Cerca articoli o argomenti

Società

E’ nata l’Associazione Messina Ciclabile

Vogliamo contribuire a rendere Messina una città più gradevole e sostenibile, promuovendo la mobilità in bicicletta

 

Due ruote gialle e una “M” un po’ sghemba su sfondo rosso. Si presenta con questo logo la nuova Associazione Messina Ciclabile. E il messaggio è chiaro. “Lo dice il nome stesso – afferma Fabrizio Murè, 45 anni, fresco di elezione a presidente, e un passato di attivista in bici a Pisa –  vogliamo contribuire a rendere Messina una città più gradevole e sostenibile, promuovendo la mobilità in bicicletta”.

Messina Ciclabile è un’associazione di promozione sociale, e non di pratica sportiva. Una differenza importante, secondo Giancarlo Rinaldo, professore universitario e testimone quasi quotidiano del cosiddetto bike-to-work con i suoi 11 km tra Boccetta e Papardo. “L’idea non è di fare competizioni. Per quello ci sono già ottime società sportive. Il messaggio è che in bici possono andarci davvero quasi tutti, giovani, adulti e anche anziani. Il punto sul quale ci batteremo, è quello di assicurare che a Messina, come in altre città europee, si creino le condizioni di sicurezza per potere scegliere, se si vuole, questo tipo di mobilità. Il nostro è un messaggio di libertà. Come ci si muove, se in bici, in auto o in autobus, deve rimanere una libera scelta dell’individuo. E chi pratica una mobilità rispettosa dell’ambiente e degli spazi urbani dev’essere protetto e se possibile incoraggiato a farlo”.

A Messina, come altrove in Italia e nel mondo, basta osservare quello che succede in strada, per rendersi conto che il numero di ciclisti urbani è in aumento. Ma in assenza di dati raccolti sistematicamente, è difficile darne una stima numerica. L’avvento delle bici a pedalata assistita, e anche delle pieghevoli, che possono essere trasportate su treni e autobus, o portate facilmente in casa, ha dato impulso a un modo diverso di muoversi in città. “E’ anche un modo per riscoprire il territorio in cui si vive – aggiunge Marco Mangano, un altro dei soci fondatori, specializzato in Rigenerazione Urbana, con una particolare attenzione al tema delle ciclovie urbane e dei percorsi cicloturistici – oltre che un modo molto economico. Una volta fatto l’investimento iniziale, che può anche essere di poche centinaia di euro, le spese annuali sono un’inezia rispetto a bollo, carburante e manutenzione di un’auto”.

Messina Ciclabile intende anche dialogare con l’amministrazione e con i cittadini. “Non siamo soltanto amanti della bicicletta – ribadisce Murè – siamo anche persone con competenze specifiche in materia di mobilità ciclistica. Siamo pronti a confrontarci, in tutta serenità, con chi ne avrà voglia. E intanto stiamo lavorando a un primo calendario di attività aperte a tutti”. E per restare in contatto? Intanto ci trovate sui social Facebook (gruppo: messinaciclabileaps.gruppo / pagina: messinaciclabileaps) e Instagram (messinaciclabileaps) come “Messina Ciclabile APS” (ci riconoscete dal logo), in attesa di ultimare il sito web, e poi via email a info@messinaciclabile.it

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

"Cosa c'è da vedere a Messina?": una risposta alla richiesta del turista.

Attualità

Il 25 aprile vedrà protagonisti, oltre l’Anpi, Cgil, Rete degli studenti, Udu, Fondazione Messina, Associazione culturale Arb, Emergency, Arcigay, Parco Horcynus Orca, Libera, Messina...

Attualità

L’Azione Cattolica diocesana ha avvertito forte l’esigenza, a distanza di qualche giorno, di esprimere il proprio dissenso

Attualità

Provenienti da tutti gli Atenei nazionali e che collaboreranno alla raccolta dei dati sullo stato dell’ambiente e dei cetacei

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio