Connettiti con noi

Cerca articoli o argomenti

Cultura

“Nel tempo che ci resta”. Elegia per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Un monumento a questi due uomini

“NEL TEMPO CHE CI RESTA”
Elegia per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
12 e 13 MAGGIO, ore 10.00
AL TEATRO VITTORIO EMANUELE DI MESSINA
12 Maggio ore 15.00
al Teatro Piccolo Shakespeare all’interno della Casa Circondariale
di Messina
lo spettacolo, rivolto alle scolaresche di Messina e provincia, è organizzato
dalla Città Metropolitana di Messina in collaborazione con l’Associazione
D’aRteventi, il Teatro Vittorio Emanuele di Messina e il Provveditorato agli
Studi in occasione del trentennale delle stragi di Capaci e Via D’Amelio,
con il Patrocinio di:
Comune di Messina, Università degli Studi Messina, ANM ( Associazione Nazionale
Magistrati) e Ordine degli Avvocati di Messina.
Giorno 12 alle ore 15.00, il regista César Brie e la Compagnia saranno ospiti
del Teatro ”Piccolo Skahespeare”, all’interno della Casa Circondariale di
Messina, per incontrare i detenuti – attori della Libera Compagnia del Teatro
per Sognare (la stampa può fare ingresso con tesserino)
Testo e regia di CÉSAR BRIE
Con Marco Colombo Bolla, César Brie, Elena D’Agnolo, Rossella Guidotti, Donato Nubile
Produzione Campo Teatrale, Teatro dell’Elfo
Ogni menzogna cadrà per il suo proprio peso,
e rimarrà soltanto ciò che l’amore
toccò con la sua lingua
César Brie

<La Città Metropolitana, sottolinea, la Dirigente, Avv. Anna Maria Tripodo, è lieta di proporre per le scuole della città e della provincia lo spettacolo, scritto e diretto dal maestro Cèsar Brie, come omaggio della nostra città a due grandi uomini che sono stati e continuano ad essere un esempio per il nostro Paese e vogliamo che lo siano, in particolare, per i giovani a cui è affidato il nostro futuro>
<Il Vittorio Emanuele – dichiara il presidente Orazio Miloro – ritiene la
“cultura della legalità” la prima forma di espressione delle coscienze civili.
Anche in occasione del Trentennale delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio
il Teatro può e deve essere il principale veicolo affinché le giovani
generazioni tengano sempre viva la memoria degli uomini e delle donne che,
proprio per l’affermazione della legalità, hanno sacrificato la loro vita.
Per questo – conclude Miloro – siamo stati ben felici di accogliere la proposta
della Città Metropolitana di Messina di co-organizzare, insieme all’Associazione
D’aRteventi, lo spettacolo “Nel tempo che ci resta”, evento appositamente
pensato per le scuole>
____________________
“Nel tempo che ci resta” è scritto, diretto e interpretato dal maestro del
teatro contemporaneo César Brie, prodotto da Campo Teatrale e dal Teatro
dell’Elfo e frutto di una lunga ricerca sulle figure di Giovanni Falcone, Paolo
Borsellino e Tommaso Buscetta.
Dopo il lungo sodalizio con il regista argentino, Campo Teatrale produce per la
prima volta uno spettacolo frutto dell’unione artistica tra la sua compagnia
stabile e César Brie. Lo spettacolo è inoltre il frutto di una co-produzione tra
Campo Teatrale e il Teatro dell’Elfo. L’attenzione alle tematiche di impegno
civile, l’interesse per la contemporaneità e la proficua collaborazione con
l’artista César Brie sono i primi elementi che hanno portato i due teatri a
intraprendere questo progetto comune, che rappresenta in realtà la
manifestazione evidente di una affinità più ampia e profonda.
«Il nostro scopo non è fare un documento ma costruire un fatto artistico dove
verità, poesia, rigore e indagine possano unirsi. – commenta César Brie – Questo spettacolo dunque non è la biografia di Falcone e Borsellino ma un omaggio, un monumento a questi due uomini e a questo ex uomo d’onore che li accompagna, li ama, e come noi viene sedotto dalla loro caparbietà, intelligenza, onestà e purezza».
I personaggi di quest’opera sono cinque e sono tutti morti. Interpretate da
Marco Colombo Bolla, César Brie, Elena D’Agnolo, Rossella Guidotti e Donato
Nubile, le cinque anime ricordano, denunciano, si interrogano, in un amaro
viaggio attraverso quello che è successo prima e dopo la loro morte. La lotta
alla mafia, le vittime, i tradimenti, i pensieri, le vicende personali e
pubbliche, la trattativa, l’isolamento, le menzogne, il senso di dovere e
l’amore si intrecciano in questa ricostruzione di ciò che è accaduto e di ciò
che continuerà ad accadere. Così i morti ricompongono la mappa devastata di un paese che amavano ma che non accettavano e proprio perché lo amavano e non lo accettavano, cercavano di cambiarlo. Ed è l’amore che viene fuori, malconcio,pieno di polvere e detriti.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cultura

Un viaggio attraverso miti, leggende e dialoghi ai confini della notte.. Lo spettacolo di Domenico Loddo, che ha la regia di Christian Maria Parisi,...

Cultura

Scritta dal “fikissimo” Pippo Iannelli, con protagonista la società messinese, dei primi anni del 900

Advertisement

Copyright © 2023 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio