Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Liquido nero sversato sulla spiaggia: intimidazione ai naturisti di S. Saba

“Se c’è chi pensa – prosegue Duca -, che con questi metodi vili intimorisce la Comunità Naturista ha o hanno fatto male i conti”

Un grave atto intimidatorio e danno ambientale. A denunciarlo è stato Rosario Duca(foto), presidente Arcigay Messina. «Mi è stato segnalato ed è avvenuto nei confronti della comunità naturista – scrive -, che da oltre mezzo secolo frequenta la spiaggia naturista riconosciuta di Capo Rasocolmo località S. Saba. In un primo momento ho pensato che si trattasse solo della scomparsa del cartello che indicava da dove aveva inizio la spiaggia naturista, ma così non era. Sabato mi sono recato sul posto ed ho trovato la situazione che dalle foto si evince. Il modo come il liquido è stato sparso toglie a priori il dubbio di un incidente involontario che poteva essere occorso ad un trattore o camion che poteva essere passato da lì. La modalità che si evince dalle foto dimostra un chiaro segno intimidatorio a cui risponderemo con una querela alle autorità giudiziarie per atto intimidatorio e danno ambientale. A pochi metri c’è la battigia e basta una mareggiata perché questo liquido nero venga trascinato in acqua oltre al danno ambientale per lo sversamento sulla sabbia e sulle pietre».

«Se c’è chi pensa – prosegue Duca -, che con questi metodi vili intimorisce la Comunità Naturista ha o hanno fatto male i conti. A chi o a coloro che hanno perpetrato questo vergognoso gesto causando un danno ambientale noi non risponderemo mai con i loro metodi ma ci affidiamo alla Legge. Questa è la differenza tra noi e lui o loro. Ho chiesto al sindaco a mezzo pec l’immediato intervento a tutela dell’ambiente, il ripristino del cartello mancante come da precedente pec inviata, ma ancor più che il Comune metta in atto tutte quelle azioni anche giudiziarie a tutela delle persone e dell’ambiente».

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

Il piccolo pantano maleodorante non è stato ancora prosciugato

Attualità

Il cinque giugno le scuole del territorio tornano protagoniste della salvaguardia della Natura

Attualità

Dopo la giornata internazionale per la salvaguardia del Pianeta dello scorso 22 aprile, le scuole del territorio di nuovo protagoniste, il prossimo cinque giugno,...

Attualità

Sono 236 le località rivierasche italiane, marine e lacustri, che hanno ottenuto le Bandiere Blu 2024: rispetto al 2023 sono 10 in più

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio