Cerca articoli o argomenti

Attualità

Invece del ponte: “Noi ci siamo, per difendere la citta’ da un progetto sbagliato e inutile e per costruire un percorso alternativo di sviluppo sostenibile per l’area dello Stretto!”

L’iniziativa del Comitato “Invece del ponte – cittadini per lo sviluppo sostenibile dell’area dello Stretto!

“La costruzione del ponte sullo Stretto di Messina non rappresenta soltanto una ferita al valore costituzionale
del paesaggio, è anche un oltraggio alla democrazia”. “È Necessario impegnarsi contro una propaganda
penosa e servile nelle sue colpevoli e consapevoli omissioni”. Lo hanno detto il costituzionalista Michele Ainis
e la scrittrice Nadia Terranova nei messaggi letti da Elio Conti Nibali in apertura della affollatissima
conferenza stampa indetta da “Invece del ponte” oggi alle 11,00 a Palazzo Zanca, nella quale il comitato ha
ribadito le ragioni del no al ponte, ha stigmatizzato gli annunci di propaganda di Stretto di Messina SpA e del
Ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini e ha richiamato le responsabilità politiche di chi ha l’onere e
l’onore di rappresentare e tutelare gli interessi della città e le istanze dei suoi cittadini.
Conti Nibali ha ripreso da Ainis la denuncia dell’assoluta mancanza di coinvolgimento dei cittadini, ribadendo
che il No al ponte è assolutamente maggioritario e non è ideologico, sottolineando la coincidenza di interessi
tra i sostenitori della devastante opera. Ha ribadito la richiesta di partecipazione per le associazioni ed i
comitati che si oppongono al ponte e sostengono un diverso modello di sviluppo.
Laura Giuffrida ha spiegato che la società Stretto di Messina il 15 febbraio ha comunicato di aver verificato
che un progetto vecchio di 12 anni è conforme a prescrizioni vecchie di 22 anni, aggiungendovi indicazioni
per l’aggiornamento delle tecniche e l’adeguamento agli attuali manuali tecnici. E ha evidenziato che
l’approvazione del progetto definitivo avrebbe dovuto intervenire in un mese, mentre il CdA della Stretto di
Messina ne ha impiegati quattro e mezzo: ha tergiversato il CdA o era inadeguata la relazione di Eurolink?
Guido Signorino ha denunciato che il ponte è usato come arma di ricatto per interventi che sono dovuti alla
città da decenni (dal viadotto Ritiro al porto di Tremestieri) e che la favola dei 120.000 posti di lavoro smentita
dagli stessi progettisti: in cantiere 4.300 (di cui buona parte non locali) e poco più di 17.500 considerando
l’indotto (di altre regioni). Indipendentemente dagli annunci, è molto improbabile che in pochi mesi siano
stati realizzati gli approfondimenti geologici e tettonici che non erano stati approntati nei dieci anni di
preparazione del progetto preliminare del 2012, e secondo il CNR è un azzardo gravissimo e antiscientifico
adeguare il ponte al grado 7.1 del terremoto del 1908.
Carmelo Briguglio ha invitato il Sindaco a esercitare i poteri alla città garantiti del titolo V della costituzione,
sia durante la conferenza dei servizi, che nell’istruttoria della V.I.A., pretendendo poteri decisionali. E, se ciò
non avvenisse, a tutelare i diritti inalienabili della città in tutte le competenti sedi giudiziali.
“Noi ci siamo”, hanno concluso i rappresentati del comitato Invece del ponte, “per difendere la città da un
progetto sbagliato, inutile e dannoso e per contribuire alla costruzione di un percorso alternativo sviluppo
sostenibile per il territorio, che valorizzi il ruolo logistico e la bellezza straordinaria dello Stretto di Messina”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Centinaia di docenti, dalla scuola dell'infanzia all'università, in servizio e in pensione, delle due sponde dello Stretto e da varie parti d'Italia, lanciano un...

Attualità

L’Associazione invita il Comune a esprimere parere negativo e convocare un Consiglio Comunale urgente

Politica

Messina, in particolare, avrà una ricaduta estremamente positiva per la mobilità e per il risanamento di tante sue aree degradate

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio