Cerca articoli o argomenti

Attualità

I Comitati “Invece del ponte” e Noponte Capo Peloro : inutile tavolo tecnico

Le note dei due comitati contrari al Ponte sullo Stretto

A seguire le note dei due comitati contrari al Ponte sullo Stretto

Noponte Capo Peloro

Dopo l’inutile commissione ponte arriva anche l’inutile tavolo tecnico

Con l’insediamento di oggi del tavolo “tecnico” sul ponte sullo Stretto indetto dal sindaco Basile sono già due gli organismi inutili e tardivi costituiti a palazzo Zanca in queste settimane con la speranza di inserirsi in zona Cesarini nel procedimento decisionale del ponte sullo Stretto che ha tagliato fuori i territori interessati: la commissione ponte presieduta dal consigliere comunale Trischitta ed il tavolo ponte presieduto dal sindaco Basile.

Oltre che il carattere poco tecnico del tavolo di oggi, vista la mancanza dell’oggetto della riunione ovvero il progetto del ponte e la Stretto di Messina spa, colpisce il mancato invito da parte del sindaco della commissione ponte evidenziando una frattura che non ci si aspettava fra giunta e consiglio comunale, come se fosse in atto una corsa a chi sgomita di più per farsi notare per primo da Ciucci e company. Per tutta risposta la commissione ponte annuncia una trasferta a Roma alla ricerca di quella visibilità che il sindaco le nega.

Non servono ai messinesi questi organismi ma sapere fino in fondo quale sarà l’impatto sulla loro città e la loro vita di un’opera così devastante come il ponte con un cantiere lungo 18 km da Torrefaro a Contesse.

 

Il comitato Noponte Capo Peloro comunica che nelle prossime settimane si terrà un’assemblea degli espropriandi che non sono solo coloro che verrebbero privati delle loro case, terreni, attività produttive ma tutte le cittadine ed cittadini di Messina che verrebbero espropriati della loro città.

Al centro delle nostre preoccupazioni e discussioni non ci sarà il tema di quanto sarà l’entità dell’esproprio, che tanto sembra appassionare la commissione ponte, ma come organizzare la resistenza alle procedure d’esproprio/servitù e come continuare ad opporsi alla cantierizzazione della città, visto che non riteniamo che i giochi siano fatti e che vi siano ampi margini per bloccare il progetto del ponte sullo stretto.

Comitato “Invece del ponte”

UN “TAVOLO TECNICO” FRA ILLUSIONE E PROPAGANDA
Rimaniamo sbalorditi nell’apprendere che si è riunito un tavolo tecnico sul ponte nell’assenza assoluta di
documenti da discutere e con l’esclusione di tanti soggetti, in particolare le associazioni dei cittadini che si
oppongono alla costruzione di un’opera devastante.
È l’ennesima passerella a favore di telecamere, peraltro in evidente contrapposizione ai lavori della
commissione ponte del Consiglio comunale, un’altra occasione persa per aprire invece un vero ed utile
confronto, finalizzato a creare le condizioni per uno sviluppo davvero sostenibile dell’area dello Stretto.
È pura propaganda, è il tentativo di far credere che “ormai il ponte si fa”, e che dunque è inutile discutere.
Mentre i progettisti e la Stretto di Messina sono in evidente affanno, avendo mancato tutte le scadenze del
cronoprogramma di nemmeno otto mesi fa, compresa l’approvazione della “Relazione di aggiornamento”,
secretata da oltre quattro mesi, si vuol mettere a tacere la città che si oppone a questo progetto inutile,
costoso, dannoso per l’economia messinese. Non ci si illuda: la città non tacerà.
Un tavolo tecnico si convoca per esaminare planimetrie, analisi economiche, costi e benefici, impatto
ambientale e sociale. Di tutto questo oggi a Messina (come a Roma) non c’è nulla.
Vorremmo ancora ricordare che a distanza ormai di molti mesi la Città attende ancora le risposte alle
domande che proprio il Sindaco Federico Basile ha posto in occasione della sua audizione parlamentare,
riportate poi nella relazione consegnata al Consiglio Comunale nell’agosto scorso.
E’ inammissibile, lo ribadiamo con forza, che si mettano in piedi inutili tavoli, il cui unico intento politico
sembra essere quello di mettere le mani sul bottino delle “opere compensative”, mettendovi il cappello
definendo “anacronistico” il precedente elenco, nell’attesa che in altre sedi si decida la devastazione di larga
parte del nostro territorio.
MESSINA 02 febbraio 2024
Comitato “Invece del ponte – cittadini per lo sviluppo sostenibile dell’area dello Stretto!

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

La relazione sembra essere stata ‘confezionata’ da chi da anni avversa la costruzione del Ponte sullo Stretto

Attualità

L’associazione Italia Nostra intende convocare un incontro internazionale di tecnici esperti in questa infrastruttura

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio