Cerca articoli o argomenti

Attualità

Dal primo di febbraio i pedaggi sulle autostrade siciliane subiranno un ulteriore rincaro del 2%.La nota di  Antonio De Luca (M5S)

Necessità per garantire il finanziamento delle attività di manutenzione e miglioramento delle infrastrutture autostradali.

A  partire dal 1° febbraio 2024, i pedaggi sulle autostrade siciliane subiranno un ulteriore rincaro del 2%. Una decisione che ha scatenato polemiche e critiche, da parte degli automobilisti, specialmente in considerazione delle condizioni precarie delle autostrade in Sicilia. La notizia è stata comunicata dal Consorzio Autostrade, che ha richiamato l’art. 8 comma 9 del decreto-legge 30 Dicembre 2023, n. 215, che prevede un aumento del 2,3% sulle tariffe autostradali della rete in concessione. Tale incremento si somma a quelli già applicati il 1° gennaio 2023 (+2%) e il 1° luglio 2023 (+1,34%).Il Consorzio, nonostante le criticità e la pericolosità evidenti della rete stradale siciliana, ha giustificato l’ulteriore aumento come una necessità per garantire il finanziamento delle attività di manutenzione e miglioramento delle infrastrutture autostradali. La decisione, tuttavia, ha suscitato la dura reazione del deputato messinese Antonio De Luca, Capogruppo all’ARS del Movimento 5 Stelle, il quale ha definito gli incrementi del tutto ingiustificati. De Luca ha sottolineato l’inadeguatezza del servizio offerto, evidenziando strade dissestate e continui disagi per gli automobilisti. “Reputo vergognoso l’incremento delle tariffe del 2,3% su tutta la rete in concessione”, ha dichiarato De Luca. Ha poi aggiunto: “Gli utenti rischiano quotidianamente seri incidenti per carenza di manutenzione o per la circolazione ridotta a causa dei numerosi cantieri aperti e, sicuramente, non meritano questa vera e propria beffa. Piuttosto che prevedere questi aumenti, bisognerebbe pensare a un rilancio del Cas”, ha concluso De Luca. “Il Consorzio è ormai da troppi anni considerato un carrozzone incapace di gestire in modo efficace le infrastrutture della Regione. Si dovrebbe piuttosto prevedere la gratuità delle tratte fino a quando non si raggiungono standard minimi di sicurezza.”

La nota di  Antonio De Luca (M5S): “Incrementi del tutto ingiustificati a fronte di servizi inadeguati. L’ennesima beffa per gli utenti”.

 
Messina, 31 gennaio – “Gli aumenti del pedaggio autostradale annunciati dal Cas, che saranno operativi già dalla giornata di domani, sono del tutto ingiustificati. A fronte di un servizio del tutto inadeguato, con strade colabrodo e continui disagi per gli automobilisti, reputo vergognoso l’incremento delle tariffe del 2,3% su tutta la rete in concessione. 
 
Gli utenti che percorrono le strade gestite dal Consorzio Autostrade Siciliano, rischiano quotidianamente seri incidenti per carenza di manutenzione o per la circolazione ridotta a causa dei numerosi cantieri aperti e, sicuramente, non meritano questa vera e propria beffa.
 
I cittadini, le aziende e i professionisti più penalizzati sono quelli messinesi che per uscire dalla città sono sempre costretti a percorrere l’autostrada.
 
Invece di prevedere questi aumenti bisognerebbe pensare a un rilancio del Cas, che è ormai da troppi anni considerato un carrozzone incapace di gestire in modo efficace le infrastrutture della Regione, prevedendo piuttosto la gratuità delle tratte fino a quando non si raggiungono standard minimi di sicurezza”, così in una nota il deputato messinese Antonio De Luca, Capogruppo all’ARS del MoVimento 5 Stelle.
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Al centro dell'incontro lo stato lavori del viadotto Ritiro.

Cronaca

Per permettere il regolare svolgimento dei lavori provvisionali sugli appoggi delle spalle mobili del viadotto Petraria

Cronaca

Nuovi interventi per permettere l'implementazione dei dispositivi informativi alle barriere e nei caselli su A18 e A20.

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio