Seguici

Cerca nel sito

Cultura

L’insegnante Katia Gussio di Messina crea l’Alfabeto della Gentilezza in Siciliano

“La lingua Italiana è viva e giocando si possono inventare nuove parole, allenando la creatività”

“La lingua Italiana è viva e giocando si possono inventare nuove parole, allenando la creatività” da questo presupposto è stato immaginato il gioco dell’Alfabeto della Gentilezza Inventato, una variante del più noto Alfabeto della Gentilezza, creato dalla giornalista Gaia Simonetti per favorire la diffusione e l’uso delle parole gentili. L’Alfabeto della Gentilezza è un gioco semplice ad ogni lettera dell’alfabeto si associa l’iniziale di una parola bella che alimenta la gentilezza all’interno della comunità, ad esempio Abbraccio, Bacio, Carezza ecc. Quello Inventato invece è composto da parole nuove generate attraverso la fantasia di chi le propone, ovviamente affinché siano valide a ogni parola deve essere attribuito un significato.  A questo proposito sono già decine gli italiani, tra cui molti insegnanti, che hanno condiviso le proprie parole gentili inventate. Per esempio Costanza De Luca da Bari ha ideato “Maestroso” che significa maestro/a estroso/a di gentile maestria, mentre Ilenia Serra da Vignolo CN ha inventato “Pamo” che racchiude due termini oggi molto importanti pace e amore, invece Nanda Mariano da Copertino LE ha creato “grataté” cioè un ringraziamento a qualcuno per qualcosa che si è ricevuto, infine Maddalena Trusiani di Roma ha proposto “mammalena”  ossia il suo nome trasformato in modo gentile, un insieme di mamma, nonna, biscotti e ninne nanne. “Quelle condivise all’apparenza sono parole giocose, ma se qualcuna di queste venisse usata tante volte e diventasse di uso comune potrebbe lasciare il segno nella lingua Italiana” è quanto sostiene Luca Nardi, coordinatore del progetto nazionale Costruiamo Gentilezza, nell’ambito del quale si svolgeranno dal 22 Settembre al 2 Ottobre la Giornate Nazionali dei Giochi della Gentilezza, che quest’anno approfondiranno le parole gentili attraverso il gioco dell’Alfabeto della Gentilezza. Scuole, comuni, associazioni…potranno parteciparvi gratuitamente, semplicemente coinvolgendo bambini e ragazzi a giocare all’Alfabeto della Gentilezza, o a uno, o più giochi sulle parole gentili. Per partecipare alle giornate nazionali dei Giochi della Gentilezza e condividere il proprio Alfabeto, dedicandolo alle persone a cui si vuole bene, si può fare riferimento su www.costruiamogentiezza.org . Chi lo desidera può condividere anche la propria variante ludica dell’Alfabeto della Gentilezza, per esempio Giuseppe Guttà di Siderno RC, Katia Gussio di Messina ME e Loredana Tuccio RM hanno inventato la versione dialettale compilandone uno Siciliano e l’altro in Calabrese. Ogni partecipante sarà libero di scegliere dove esporre il proprio Alfabeto della Gentilezza affinché possa essere un pro memoria per i i cittadini all’uso delle bene parole per accrescere il benessere della comunità.

L’Alfabeto della Gentilezza per la Scuola in Siciliano compilato da Katia Gussio: Amuri, Beddu, Ciatu miu, Duci, Educazioni e bona crianza fannu sustanza, Figghiu d’oru, Gioicedda, Hai l’occhi comu du  stiddi, Intelligenza e cori ranni fannu  u  bonu cristianu, L ‘apa i meli, Meravigghiusu, Nicaredda, Occhi beddi, Picciriddu mei, Quantu ti  rispettu, Ranni,tu si na cosa ranni, Sangu mei, Ti vogghiu beni, U cori nto zuccuru, Vita mei, Zuccarata.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Cultura

Un francobollo dedicato alla “Processione della Vara e dei Giganti di Messina”

Attualità

I prossimi appuntamenti della manifestazione “La Vara di Messina. Una storia di fede lunga 500 anni”

Attualità

Il francobollo in dotazione a Poste Italiane è stato concesso dal Ministero dello Sviluppo Economico

Cultura

Dedicata a Franz Riccobono, in collaborazione con il Gruppo Storico della Vara e dei Giganti ed il contributo di Associazioni culturali

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio