Connettiti con noi

Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Messina, la DIA confisca un patrimonio di quasi sette milioni di euro ad un imprenditore di Naso

A fine settembre si è concluso l’iter processuale con sentenza della Corte di Cassazione

?????????????????????????????????????????????????????????

La Direzione Investigativa Antimafia, articolazione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, nell’anno 2017, ha avviato complesse indagini economico finanziarie, coordinate dalla Procura della Repubblica di Messina-DDA e concluse nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale formulata dal Direttore della DIA, che ha portato prima al sequestro e poi alla confisca del patrimonio illecitamente accumulato del valore di circa 6.800.000 euro nei confronti di Nunzio Ruggeri, noto imprenditore di Naso (ME). A fine settembre si è concluso l’iter processuale con sentenza della Corte di Cassazione che prevede la confisca definitiva e l’acquisizione tra i beni dello Stato del citato patrimonio. La citata confisca, oltre ad un consistente patrimonio finanziario ed immobiliare, dislocato nella provincia di Messina, tra Capo d’Orlando, Naso, Brolo e Sant’Agata di Militello, comprende anche il 50% di una società (quote e compendio aziendale) tuttora operativa nel settore della macellazione e commercializzazione di pellame (con un volume d’affari al momento del sequestro di circa 5 milioni di euro), nonché il 20% di un fondo consortile, anch’esso operante nel medesimo settore commerciale. Il provvedimento della Suprema Corte conferma l’importanza dell’attività preventiva condotta dalla DIA a carico di soggetti ritenuti socialmente pericolosi che, attraverso condotte illecite, operavano a scapito degli imprenditori onesti e della leale concorrenza del libero mercato. Il soggetto colpito dall’odierno provvedimento che ,nel tempo, risulta aver intrattenuto rapporti con esponenti di spicco dei sodalizi mafiosi dei “tortoriciani”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

State disposte le misure degli arresti domiciliari per il Dirigente del CAS in quiescenza e due dei tre imprenditori, mentre il terzo è stato...

Cronaca

Documentato il reimpiego delle risorse finanziarie illecitamente accumulate dal preposto all'esito di plurime condotte criminali

Cronaca

La Dia mette i sigilli ai beni - per un milione di euro - di Massimo Buda

Advertisement