Seguici

Cerca nel sito

Cronaca

Fermata banda di ladri seriali

Avrebbero portato a segno numerosi colpi nella zona litorale, a cavallo tra le province di Catania e Messina

Su delega della Procura distrettuale di Catania i Carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Giarre, con i colleghi della stazione di Riposto, hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari a 10 persone tra i 21 e i 46 anni, perché indagate a vario titolo per furto in concorso, uccisione di animali e detenzione illegale di armi da sparo.

Dagli accertamenti svolti, seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio degli indagati, i componenti della banda avrebbero portato a segno numerosi colpi nella zona litorale, a cavallo tra le province di Catania e Messina, nonché nella fascia pedemontana.

Gli obiettivi presi di mira dai presunti ladri erano costituiti da veicoli di vario genere, tra i quali autovetture e furgoni, ma anche un trattore e persino due imbarcazioni, un cabinato e un gommone di notevole valore, che sarebbero stati asportati dal porto turistico di Riposto in cui erano custoditi per procedere, in un secondo momento, alla vendita ad acquirenti compiacenti.

Grazie agli elementi acquisiti nel corso dell’indagine, avviata nel maggio del 2019, i Carabinieri sono riusciti a ricostruire otto episodi di furto aggravato tra i quali, oltre ai due natanti, quattro furti di autoveicoli commessi tra Messina, Giardini Naxos e Mascali, nonché due all’interno di esercizi commerciali di cui uno all’interno di un bar di Giarre, che fruttò ai malviventi 2.700 euro.

In un’occasione, nel corso di un mirato controllo a uno degli indagati, i militari hanno sottoposto a verifica il cellulare di quest’ultimo, scoprendo un video che lo ritrae all’interno di una stalla dove, armato di una pistola e poi di un affilato coltello, uccideva con sadica ferocia un cavallo tra le risate dei presenti.

Uno degli avvisi di garanzia, inoltre, è stato notificato a un indagato attualmente detenuto per altro reato nel carcere di Cosenza.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Cronaca

Allertati da una chiamata pervenuta al numero unico di pronto intervento 112 NUE

Cronaca

4 arresti,6 denunce e 6 persone segnalate quali assuntori di stupefacenti

Cronaca

Già pronta per esser ceduta

Cronaca

Un messinese denunciato dai Carabinieri.  

Pubblicità

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio