Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Disservizi nello Stretto: Liberty Lines – Blue Jet (Gruppo FS): 1-1 e palla al centro. Le precisazioni della  società Liberty Lines

Il CODACONS annuncia un esposto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il CODACONS annuncia un esposto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla Regione ed all’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato: dopo l’aliscafo Reggio-Messina (Liberty Lines) delle 8.50 cancellato senza motivo, anche il “bis” con l’aliscafo (Blue Jet) delle 00.20: lasciati nuovamente a piedi numerosi pendolari (tra cui una famiglia con un disabile in sedia a rotelle)!

Il CODACONS scende in campo sui recenti disservizi nei trasporti dello Stretto: i fatti sono noti: la mattina del 7 marzo è iniziata “saltando” una corsa degli aliscafi della tratta Reggio Calabria-Messina: la corsa delle 08:50, sempre piena di utenti, utilizzata da tanti studenti e lavoratori pendolari, non è partita.

Le ragioni ufficiali comunicate sono “maltempo”, ma i pendolari rimasti a terra hanno fatto presente come già dalla sera del 6 marzo fosse impossibile acquistare il biglietto per quella corsa (e le condizioni meteo marino erano rimaste pressocchè invariate…).

Si resta in attesa di chiarimento da parte di Liberty Lines, anche perchè – pur smettendo di emettere i biglietti per quella corsa – la compagnia di trasporto non ha ritenuto di comunicarne la cancellazione (quantomeno con un annuncio sul suo sito internet) ed i pendolari hanno appreso la spiacevole notifizia solo quando si sono recati al porto.

I disagi per i pendolari dello Stretto – spiega il CODACONS – sono continuati, dato che  anche la Blue Jet (società del gruppo “Ferrovie dello Stato”) ha annullato all’ultimo momento (e alcun senza preavviso) la corsa delle 00.20 dell’8 marzo, lasciando a piedi al porto di Villa San Giovanni – in piena notte ed al freddo – numerosi pendolari, tra cui una famiglia con disabili, di cui uno addirittura in sedia a rotelle.

Secondo quanto riferito ad alcuni sfortunati viaggiatori, che si sono lamentati per questo ennesimo disservizio, il personale preposto ha risposto che – essendo arrivati tutti i treni prima di mezzanotte – i passeggeri giunti in treno erano stati fatti salire sulla nave di linea (partita alle ore 24), sopprimendo – inspiegabilmente – l’aliscafo delle 00.20. Le persone che non erano giunte in treno, e avevano pieno diritto di fruire di questa corsa per arrivare in Sicilia, sono state lasciate lì, costringendole di fatto ad andare a piedi sino al traghetto della Caronte, giungendo a Messina con oltre due ore rispetto all’orario in cui sarebbero giunti a Messina.

Per molti la triste odissea è pure proseguita con un bel tragitto a piedi verso il parcheggio della stazione marittima (in prossimità dell’imbarcadero degli aliscafi), ove avevano lasciato parcheggiati i propri veicoli, ignari del fatto che invece l’aliscafo  sarebbe misteriosamente “sparito” e che sarebbero riusciti ad arrivare a casa solo alle prime luci dell’alba.

Alcuni utenti – spiega il CODACONS – si sono rivolti a noi e presenteranno un esposto per denunciare l’accaduto, dato che la soppressione di questa corsa potrebbe configurare un’interruzione di pubblico servizio del tutto ingiustificata.

Il CODACONS, prendendo spunto dai due recenti episodi, invita gli utenti a segnalare ogni disservizio o condotta non corretta da parte di qualsiasi compagnia di trasporto marittimo che opera nell’area dello Stretto o nei collegamenti con le Isole Eolie.

Le segnalazioni, infatti,  sono il punto di partenza per la tutela dei propri diritti e per ottenere risarcimenti o ristori nei casi in cui si subiscano condotte di questo genere.

Il CODACONS, infine, chiederà l’intervento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, della Regione Siciliana e dell’Autorità garante della concorrenza e mercato, che già si è già occupata di un caso analogo: è importante – spiega l’associazione dei consumatori – che gli utenti facciano sentire la loro voce con le proteste civili a loro disposizione e che chiedano sempre ed a chiunque il riscontro (in servizi) per il prezzo da loro pagato.

Sarà possibile, prima della eventuale realizzazione del ponte sullo Stretto, avere dei servizi di trasporto (in buona parte sovvenzionati con fondi pubblici) che rispettino gli orari e non saltino le corse?

Le precisazioni della  società Liberty Lines :

 Con riferimento all’esposto annunciato da Codacons sulla corsa Reggio Calabria- Messina cancellata il 7 marzo la società Liberty Lines precisa quanto segue:

  1. La corsa in partenza da Reggio Calabria alle 08:50 per Messina è parte di una linea che ha origine a Salina la mattina alle ore 05:30. È chiaro che in caso di condizioni meteomarine avverse, la nave non parte e quindi non può compiere l’intero itinerario programmato.

  2. È il Comandante della nave, coadiuvato dalla strumentazione di bordo e dalle informazioni relative alle condizioni meteomarine dello scalo di partenza, del mare aperto e dello scalo di arrivo, a valutare la fattibilità del viaggio in maniera da poter garantire la totale sicurezza dei passeggeri o del mezzo.

  3. Quando la società viene a conoscenza di qualsiasi ritardo o omissione, provvede a divulgare la notizia inviando un sms ai passeggeri già in possesso di biglietto ed informando tutti gli altri attraverso il proprio sito web e i propri canali Telegram che contano diverse migliaia di inscritti.

Fatte tutte queste doverose premesse veniamo al caso specifico: la corsa da Reggio Calabria alle 08:50 per Messina del giorno 7 marzo 2024 è stata chiusa alla vendita il giorno precedente. I titolari di biglietto sono stati avvisati con SMS il giorno 6 marzo alle ore 11:30 e la notizia è stata pubblicata sul sito web aziendale e sui canali Telegram ufficiali di Liberty Lines sempre il giorno 6 alle ore 14:47.

A quel punto, con congruo anticipo, tutti i passeggeri hanno potuto riprogrammare il proprio viaggio scegliendo di partire con la nostra nave delle 08:20 o con quella delle 9.30.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

E' la prima unità veloce HSC hybrid al mondo

Attualità

“Servirà le isoleminori. Un nuovo traguardo nel segno del ringiovanimento e dell’ampliamentodella nostra flotta”  

Attualità

L’AD Vincenzo Franza: “Noi fin qui obbligati a far viaggiare le nostre navi più moderne a gasolio. Occorre pensare a depositi di GNL nei...

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio