Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Confisca al figlio del presunto boss della cosca Buda-Imerti

La Dia mette i sigilli ai beni – per un milione di euro – di Massimo Buda

La Direzione investigativa antimafia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha eseguito una confisca di beni da 1 milione di euro a Massimo Buda, figlio di Santo, ritenuto quest’ultimo il reggente della cosca di ‘ndrangheta Buda-Imerti di Villa San Giovanni e condannato in appello nel 2020 a 14 anni nel processo “Sansone”. Il provvedimento e’ stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale.
Il patrimonio di Massimo Buda – titolare di una società di servizi – è risultato sproporzionato rispetto alla sua capacità reddituale. I beni confiscati erano stati sequestrati nel febbraio 2021 nell’ambito dell’inchiesta che ha portato all’amministrazione giudiziaria della compagnia di navigazione “Caronte & Tourist” . Il Tribunale ha disposto per l’uomo la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per 3 anni e 6 mesi, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Senza categoria

Imprenditore agricolo originario della provincia di Messina, ma residente in quella di Enna

Cronaca

Il tessuto imprenditoriale siciliano subisce, in maggior misura, le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio