Cerca articoli o argomenti

Sport

Fortitudo Messina-Basket School 58-74

Il giallorosso Labovic il miglior realizzatore dell’incontro con 25 punti

Un primo quarto giocato sotto le attese e un tentativo di rimonta fermato da alcune discutibili chiamate arbitrale non consentono alla Fortitudo Messina di giocare ad armi pari con il Basket School che, grazie soprattutto al +16 dei primi dieci minuti, conquista la stracittadina di ritorno per 58-74. Gara fatta di parziali quella vissuta al palazzetto della Cittadella universitaria, con i neroverdi che, rientrati fino al 33-44 e con l’inerzia dalla propria, subiscono le espulsioni dalla panchina di Giovani e Cavalieri e, proprio lì, vedono spegnersi le speranze di rientrare in partita. Doppia cifra per Marinelli e Tagliano, ma è il giallorosso Labovic il miglior realizzatore dell’incontro con 25 punti.

Claudio Cavalieri conferma il quintetto delle ultime settimane con Kader, Nnabuife, Scozzaro, Tagliano e Simone Cavalieri. Il ferro accoglie le prime conclusioni di Yeyap e Tagliano, ma la Fortitudo approccia male al match, forza tante palle perse e il Basket School piazza un parziale di 0-14, trascinato dai canestri di Labovic e Tartaglia. Kader e Nnabuife interrompono il parziale giallorosso, ma ancora Labovic (già a quota 11) e Di Dio infilano due triple consecutive per il 6-22 (Basket School che tira 4/6 nel primo quarto da tre). Fortitudo in bonus quando mancano poco più di tre minuti alla fine del primo quarto, mentre ai ragazzi di Pippo Sidoti non è stato ancora fischiato il primo fallo. Marinelli trova un gioco da tre punti, poi coach Cavalieri deve rinunciare a Nnabuife gravato di due falli (dentro Omar Molonia) e nell’ultimo minuto i canestri di Tagliano e Yeyap valgono l’11-27.

Simone Cavalieri trova il primo canestro della sua serata per il 13-29, ma poi è costretto ad accomodarsi in panchina per il terzo fallo personale, imitato poco dopo da Tagliano. Meglio la Fortitudo in questo secondo quarto, con coach Cavalieri che dà minuti anche a Giovani e Amato: arriva anche il secondo fallo di Marinelli e Fortitudo in bonus a 4’25” dall’intervallo lungo. Sul 17-34 gli arbitri comminano anche un severo antisportivo ad Amato, ma i neroverdi riescono a stare sul pezzo e le due triple consecutive di Scozzaro, dopo lo 0/8 di squadra, valgono il 25-37. Si andrà al riposo sul 27-39 dopo il 2/2 di Marinelli.

Al rientro dagli spogliatoi segna subito Tartaglia, poi una fase sporca con tanti contatti non sanzionati dagli arbitri e lo 0/2 di Cavalieri. Labovic torna a segnare da tre dopo un secondo quarto da zero triple per il Basket School (27-44), ma la Fortitudo reagisce e con un libero di Nnabuife, la tripla di Kader e il contropiede di Marinelli rientra fino al 33-44 con un parziale di 6-0. Pippo Sidoti chiama timeout: al rientro arriva il terzo fallo di Marinelli e il tecnico alla panchina della Fortitudo, aggravato dall’espulsione del dirigente Umberto Giovani. Di Dio fa 3/3 dalla lunetta e il Basket School tocca il 33-50 con il gioco da tre punti di Tartaglia. Espulso anche coach Claudio Cavalieri dopo una stoppata di Yeyap con parabola probabilmente discendente sul tiro di Tagliano. Fortitudo colpita psicologicamente, Basket School sul 33-59 con due triple di Labovic, ma parziale nettamente condizionato dalla “suscettibilità arbitrale”. Sussulto d’orgoglio dei neroverdi che chiudono il quarto sul 41-59 con Nnabuife, Tagliano e Marinelli.

Cavalieri allarga il parziale fino al 10-0 per il 43-59, ma l’antisportivo a Kader per un salto scoordinato e un intervento con il piede su Tartaglia sostanzialmente involontario, spezza ancora una volta le gambe alla Fortitudo. Tagliano non converte il tecnico per proteste comminato a Labovic e il Basket School, dopo un paio di liberi, tocca il 43-67 con la tripla di Leonardo Di Dio. Di fatto la partita vive un lungo garbage time: sul 45-70 arriva l’ennesima tripla Labovic e il finale, con in campo anche Terzi e Bottari, serve alla Fortitudo per rendere il passivo giustamente meno pesante con i canestri di Marinelli, Cavalieri e Tagliano per il 58-74.

Fortitudo Messina-Basket School 58-74
(11-27, 27-39, 41-59, 58-74)

Fortitudo Messina: Marinelli 16, Scozzaro 8, Amato, S. Cavalieri 6, Bottari, Caporossi, Nnabuife 7, Terzi, Giovani, Molonia, Kader 7, Tagliano 14. All. C. Cavalieri.

Basket School: Labovic 25, Di Dio 16, Alberini, Tartaglia 18, Vujic, Buldo 1, E. Sidoti 7, Busco 1, Freni, Janic, Yeyap 6. All. G. SIdoti.

Arbitri: Samuele Riggio di Siderno e Gianmarco Greco di Catanzaro

 

 

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGA PRO GIRONE C

LEGGI ANCHE

Sport

I pugliesi vincono sul parquet della Cittadella sportiva dell’Annunziata

Sport

Simone Cavalieri e Scozzaro, si arrendono per 79-73 al termine di una partita ben giocata ed estremamente equilibrata

Sport

I peloritani confermano la netta sensazione di non essere inferiori agli avversari

Sport

Un successo voluto, ottenuto di squadra e che ripaga i giovani neroverdi e l’intera società

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio