Connettiti con noi

Cerca articoli o argomenti

Sport

Akademia si ferma al “PalaMarignano”, il match lo conquista San Giovanni

Coach Bonafede: “Non ha funzionato nulla”

 

Nel terzo turno di andata della Pool Promozione, primo stop per le ragazze di coach Bonafede che, in tre set, cedono l’intera posta in palio alle zie di San Giovanni in Marignano. Messinesi in gara solo nel secondo parziale. Mercoledì sera, nel giorno di San Valentino, si torna al “PalaRescifina” contro Macerata.Coach Fabio Bonafede: “Nostra gara neppure iniziata, non ci era mai capitato. Resta una bella giornata di sport e la prestazione di San Giovanni cui vanno i complimenti”

 

Si ferma al “PalaMarignano” di San Giovanni la serie positiva di Akademia Città Di Messina. In Romagna le ragazze di coach Bonafede subiscono la quinta sconfitta stagionale, la prima in Pool Promozione, al cospetto di un’avversaria che non ha sbagliato nulla, dimostrando, con una prestazione fatta di ritmo e aggressività in ogni fase di gioco, di poter ancora lottare per i play-off.

 

Gara sempre in salita per le messinesi che, solo nel secondo set, sono riuscite a giocare alla pari con le padrone di casa, cedendo però nel finale. Per il resto dell’incontro, mai si è riusciti ad impensierire davvero le avversarie che hanno mostrato maggiore efficacia sia in fase offensiva che in difesa. Una brutta giornata per le ragazze in maglia giallo-rossa, soprattutto da dimenticare in fretta. Già mercoledì sera, nell’infrasettimanale di San Valentino, opportunità di rifarsi contro Macerata che, in virtù del successo al tie-break con Como, scavalca nuovamente le messinesi e si piazza al terzo posto in classifica; in realtà, per le marchigiane, stesso numero di punti ma miglior quoziente set.

 

Nello starting six, per le padrone di casa diSan Giovanni, coach Bertini si affida in regia a Turco, suo opposto Ortolani, centrali Consoli eParini, posto 4 Nardo e Pecorari, liberoCaforio; per Messinacoach Bonafede schiera Galletti in regia, suo opposto Payne, centrali Martinelli e Modestino, posto 4 Joly e Battista, libero Maggipinto.Partenza in P2 per San Giovanni, in P1 per Messina.

 

Nel primo set, primi scambi di studio e qualche errore su entrambi i fronti a contrassegnare l’inizio del match. Mini-break di casa sull’attacco vincente di Parini (6-3) e coach Bonafede chiama subito time-out. Modestino accorcia a muro, Ortolani mostra in diagonale da posto 4 la propria qualità e sul primo long rally del match arriva il massimo vantaggio San Giovanni (10-5). Reazione Messina con Battista (2) e Modestino (13-11). Martinelli sbaglia dai nove metri, Pecorari piazza un ace e, sull’errore in fast di Modestino, coach Bonafede chiama il secondo time-out (16-11). Messina timida, San Giovanni spavalda. Consoli sbaglia al servizio, coach Bonafede cambia in regia: fuori Galletti, dentro Michelini (18-13). Come Percorari, anche Battista si fa sentire al servizio (18-14). Ciancio rileva proprio Battista, Martinelli fallisce in primo tempo, Nardo piazza due ace consecutivi (24-15). A chiudere il primo parziale è Parini su palla 7 (25-16). Migliore realizzatrice Nardo con 6 punti.

Nel secondo parziale, sestetto confermato per coach Bertini, mentre Bonafede mette dentro Mearini per Modestino e Rossetto per Joly. Messina parte avanti con Payne, Rossetto e Battista (2-4). Sull’errore in fast di Martinelli, coach Bonafede inserisce Catania. Pecorari sbaglia il servizio, Consoli affonda in fast (4-5). Galletti allunga ma Ortolani prima e l’errore di Payne a seguire, consentono a San Giovanni di ritrovare la parità (6-6). Parini bene a muro, Payne si rifà dell’errore precedente ed è ancora equilibrio (7-7). Nardo con un ace regala alla propria squadra il doppio vantaggio (9-7). Catania a muro tiene agganciata Messina, Rossetto con un ace ritrova la parità, mentre ancora Catania si avventa su palla slash e Messina mette il muso avanti (11-12). Le siciliane soffrono sulle fast di Consoli, ma Payne in pipe risponde parimenti (14-14). Mearini fa scrivere il proprio nome a referto due volte in attacco, Maggipinto difende ovunque, Pecorari conquista il doppio vantaggio con un gran diagonale su palla staccata (18-16). Coach Bonafede chiama time-out. Il primo scambio al rientro si gioca al limite; Ortolani trova il touch-out (19-16). Catania in fast riporta a meno due Messina (20-18). San Giovanni difende su ogni pallone e colpisce con incisività, mentre Catania in fast tiene vive le speranze di Messina (23-20). Ortolani sbaglia in pipe e coach Bertini ferma il gioco (23-21). Al rientro, Consoli fallisce in fast, Nardo e Turco chiudono il secondo parziale (25-22).

Migliore realizzatrice Nardo con 11 punti. 12 errori per San Giovanni, 13 per Messina.

 

Nel terzo set,ancora tutto invariato per coach Bertini, mentre coach Bonafede lascia dentro Catania e Mearini. Messina è in difficoltà sin da subito e il tecnico originario di Siracusa cambia Battista con Joly. In campo solo San Giovanni, mentre le ospiti cercano con ogni mezzo di rimanere in gara. A riaccedere la fiammella due muri di Payne e un ace di Mearini in successione (17-11). Coach Bertini non vuol correre rischi e chiama time-out. Pecorari centra il nastro al servizio ma la palla cade lentamente nel campo di Messina; il segnale chiaro che non è la giornata giusta per le siciliane (19-11). Il finale è tutto delle padrone di casa; a chiudere il match ci pensa Parini (25-15).

Migliore realizzatrice e MVP della gara Nardo con 14 punti; per Messina, Payne a quota 10, Catania a 7.

 

Nel post-gara, le dichiarazioni di coach Fabio Bonafede: “Purtroppo, oggi non ha funzionato nulla perchè la gara da parte nostra non è neppure iniziata. Questo non toglie nessun merito a San Giovanni che ha giocato veramente una gran partita. Complimenti per tutto, anche per un pubblico fantastico e calorosissimo. Bella giornata di sport; resta il rammarico perché non è stata onorata da parte nostra. Si può perdere 3-0 ma non così”. Al di là della gara di oggi, ottima stagione per Messina e Pool Promozione di alto livello: “Quest’anno il livello è molto alto e bisogna lottare ogni partita. Adesso, non voglio cercare alibi ma siamo alla seconda trasferta consecutiva e per noi spostarsi vuol dire sempre affrontarre grandi sacrifici. Non ci era mai capitata in una prestazione di questo tipo; ci farà bene perché in campionato non perdevamo da tempo. Complimenti comunque alla Omag-Mt. Possiamo parlarne quanto vogliamo ma ha fatto una bella partita”.

 

Omag-Mt San Giovanni in M.no- Akademia Città di Messina: 3-0 (25-16, 25-22, 25-15)

 

Omag-Mt San Giovanni in M.no: Ortolani 10, Salvatori n.e., Cangini n.e., Ghibaudo n.e, Consoli 11, Parini 8, Meliffi (L) 0, Giacomello ne, Turco 3, Caforio (L) 0, Pecorari 10, Nardo 14, Saguatti (L) 0. All. Bertini, Ass. Zanchi

Akademia Città di Messina: Battista 3, Martinelli 1, Catania 7, Ciancio 0, Modestino 2, Felappi (L) ne, Mearini 5, Payne 10, Joly 2, Rossetto 2, Maggipinto (L) 0, Galletti 1, Michelini 0. All. Bonafede, Ass. Ferrara.

 

Arbitri: Ruggero Lorenzin e Simone Cavicchi

Durata set: 22’,28’,22’

MVP: Alice Nardo (Omag-Mt San Giovanni in Marignano)

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGA PRO GIRONE C

LEGGI ANCHE

Sport

Coach Bonafede: “Ci è mancata esperienza nel momento decisivo”  

Sport

 Aurora Rossetto ( nella foto): “La differenza nella voglia di andarsi a prendere quel terzo set”

Senza categoria

Coach Bonafede: “Gran partita contro squadra forte”.  

Sport

Ciancio: “Innamorata di Messina”

Advertisement

Copyright © 2023 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio