Seguici

Cerca nel sito

Politica

Mercato Zaera, De Domenico, Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco rispondono all’ex assessore Musolino

“L’ex amministrazione, non ha mai dato seguito alla nostra richiesta di un tavolo di confronto, dovrebbe limitarsi a chiedere scusa a commercianti e cittadini”

“Funziona così: i successi sono tutti della passata amministrazione, mentre le colpe degli insuccessi sempre degli altri, compresa la grande distribuzione, i Vigili del Fuoco e, probabilmente, anche la congiuntura astrale dell’oroscopo”.
Così Franco De Domenico, candidato sindaco a Messina della coalizione di centrosinistra, in una nota congiunta con i consiglieri comunali Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco del Movimento 5Stelle.
“È evidente che la vicinanza di questa coalizione ai problemi della gente  tocca nervi scoperti – osserva De Domenico – possiamo girarci attorno quanto vogliamo, ma la realtà è nei fatti e nei numeri:  i box aperti sono sempre di meno  e  i commercianti dello Zaera continuano a esprimere il loro malcontento, circostanziando le carenze di questa struttura. Lo stesso vale per il parcheggio chiuso e le relative conseguenza. La politica, come noi abbiamo fatto, ha il dovere di ascoltarli e di cercare soluzioni, non di dare sentenze”.
I 5 STELLE – “Invece di replicare, l’ex amministrazione, che non ha mai dato seguito alla nostra richiesta di un tavolo di confronto, dovrebbe limitarsi a chiedere scusa a commercianti e cittadini”, spiegano i consiglieri M5s Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco. “La situazione del nuovo mercato Zaera è emblematica e sotto gli occhi di tutti. A dirlo non siamo (solo) noi, ma i tanti esercenti che ogni giorno sono costretti a convivere con problemi strutturali di ogni tipo. Ed è altrettanto significativo il fatto che, quando l’allora sindaco De Luca si è recato in visita al mercato Zaera, gli esercenti hanno abbassato le saracinesche per protesta. È a loro che devono spiegazioni. Fra una diretta social e l’altra vadano a farsi un giro per vedere quante realtà hanno dovuto chiudere i battenti. Noi siamo stati lì il giorno prima di Pasqua e sappiamo quali e quanti sono i disagi e le criticità che denunciamo ormai da anni, partire dal caso emblematico dei parcheggi. Il punto è uno solo: hanno inaugurato anzitempo a favor di telecamere e poi hanno abbandonato i commercianti al loro destino. Tutto il resto sono chiacchiere e arrampicate sugli specchi”.
I due esponenti politici aggiungono: “La riapertura ha consentito a 32 operatori di riaprire le attività”, diciamo le cose come stanno: non sono mai stati 32 operatori,tanti box non sono stati assegnati, e alcuni degli assegnatari dopo l’apertura sono stati costretti a chiudere vista la scarsa affluenza di acquirenti”.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Cronaca

Le ripercussioni sulla viabilità sono state ben sostenute, grazie sia alla costante presenza del Corpo dei Vigili Urbani

Politica

L’approvazione da parte del Consiglio Comunale dell’emendamento

Pubblicità

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio