Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Nota di Invece del Ponte: l’Analisi Costi Benefici (ACB) è metodologicamente sbagliata

E’ metodologicamente sbagliata e i suoi risultati sono falsati da errori di impostazion

L’Analisi Costi Benefici (ACB) del ponte è metodologicamente sbagliata e i suoi risultati sono falsati da errori
di impostazione, modalità di calcolo, omissività o contraddizioni. Quindi la valutazione dell’opera è errata e
fuorviante.
1) Per calcolarne i benefici, lo “scenario” del ponte è stato confrontato con l’esistente supponendo zero
interventi (scenario controfattuale “Do Nothing”). Questo è sbagliato: la Banca Europea degli
Investimenti (BEI) spiega che questo controfattuale va bene per gli investimenti “incrementali” (es.:
ampliare una strada esistente), non per gli investimenti “aggiuntivi” o “alternativi”, come è il ponte.
E, sempre secondo la BEI, questo errore sovrastima i benefici. Inoltre RFI ha concluso sperimentazioni
per migliorare il traghettamento dei treni e acquistato 5 nuovi locomotori per lo Stretto. Anche col
“Do Nothing”, lo scenario di riferimento deve essere migliorato rispetto all’attuale.
2) Lo “scenario-ponte” è costruito in base all’ipotesi irrealistica che il ponte sostituirà interamente il
traghettamento. Sia i privati che l’Autorità Portuale hanno dichiarato al Parlamento, al Comune e alla
stampa che i loro servizi rimarranno perché una parte non irrilevante di passeggeri continuerà a usare
le navi. Quindi la “domanda del ponte” è sovradimensionata.
3) Il “risparmio del tempo” (8,9 miliardi) è molto sovrastimato: un minor numero di passeggeri di quello
previsto risparmierà un tempo inferiore rispetto a quanto ipotizzato. Ci sono almeno 2,5-3,5 miliardi
di troppo.
4) Il “beneficio occupazionale” è calcolato in modo omissivo o contraddittorio. Per gli 8 anni di
lavorazione si stima nuova occupazione per 540 milioni di € fino al 2032: circa 2.600 lavoratori/anno.
Però l’ACB vale fino al 2062 e suppone che tutti i servizi traghetto vengano soppressi. Almeno 1.200
posti di lavoro cancellati dal 2032. L’occupazione perduta non è compensata dai lavoratori della
gestione e manutenzione del ponte. Il “beneficio occupazionale” diventa negativo per un valore
compreso fra 4,7 milioni e 1,2 miliardi, con perdita di “beneficio” compresa fra 550 milioni e 1,7
miliardi.
5) Il “risparmio ambientale” è mal calcolato. L’ipotesi che si azzeri il traffico delle navi sullo stretto è
irrealistica e le navi che interverranno nei prossimi anni saranno molto meno impattanti di quelle
attuali, per cui il risparmio sull’ipotesi “senza ponte” si riduce di molto. Il parametro di 800€/ton per
valutare l’impatto del CO2 è irrealistico e usato per ben altri tipi di analisi.
6) Lo stesso “costo di investimento” non è chiaro: da 13,5 miliardi si passa a 12,9 per tener conto del
“beneficio occupazionale” (in realtà negativi). Poi però nella tabella finale questo costo diventa 12
miliardi, con la scomparsa di quasi 1 miliardo non commentata e non giustificata.
7) Non sono calcolati altri effetti esterni, come i riflessi negativi sul traffico navale da/verso Gioia Tauro
e Sicilia.
A conti rifatti l’ACB va in perdita per svariati miliardi. Il ponte è un’opera in perdita, presentando costi
superiori (e ben superiori) ai benefici e non deve essere dunque realizzata perché sottrae risorse preziose ad
altri investimenti, di maggior beneficio sociale, economico e ambientale.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Risposta della società dello Stretto a firma dell'Amministratore Pietro Ciucci

Attualità

Il sindaco obbedendo agli ordini di scuderia, rinnega una parte importante del proprio programma elettorale

Attualità

Trischitta, presidente della commissione comunale Ponte sullo Stretto, lancia una sfida ai detrattori dell'opera a confrontanti con gli esperti che da anni ne asseriscono...

Attualità

Le “Osservazioni elaborate dalle associazioni ambientaliste (Italia Nostra, Legambiente, Lipu, MAN e WWF Italia) e da associazioni e comitati locali (“Invece del ponte” e...

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio