Seguici

Cerca nel sito

Cronaca

Messina, campagna di controlli nei cantieri edili dei Carabinieri e dell’Ispettorato del Lavoro. Plauso della UIL Messina

Esiti dell’attività riferita al primo semestre 2022

 

 

Nel quadro delle iniziative finalizzate al contrasto delle irregolarità inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro, il lavoro nero e lo sfruttamento del lavoro, il Comando Provinciale Carabinieri di Messina e l’Ispettorato Provinciale del Lavoro della provincia peloritana, come anche ribadito nel più ampio ambito del Protocollo di Intesa stilato dalla Prefettura di Messina con tutti gli enti provinciali coinvolti nella tematica, hanno avviato, dal gennaio 2022, una strutturata intesa operativa per la condotta  di una permanente campagna di periodici controlli congiunti ai cantieri edili, pubblici e privati.

Le attività ispettive vengono eseguite, a tappeto, con cadenza bisettimanale, sui 108 comuni messinesi, dai militari delle 9 Compagnie Carabinieri dislocate in tutta la provincia peloritana insieme ai militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro (NIL) del capoluogo.

In particolare, nel primo semestre del 2022, i Carabinieri di Messina e i militari del NIL hanno condotto ispezioni in 31imprese edili attive in cantieri, soprattutto impegnati in appalti pubblici, presenti nelle diverse località della provincia, effettuando verifiche su 158 posizioni lavorative. All’esito delle attività svolte, sono state rilevate irregolarità in 17 ditte, delle quali 8 sono state sottoposte alla sospensione temporanea delle attività per la presenza di gravi violazioni in materia di sicurezza del lavoro.

Le irregolarità hanno riguardato, principalmente, la mancata adozione di misure tecniche e organizzative volte a evitare pericoli di caduta da impalcature e ponteggi, i cosiddetti pericoli da “lavoro in quota” ovvero connesse con altri rischi dei lavoratori, la mancata fornitura di dispositivi di protezione individuale, l’inosservanza degli obblighi relativi alla formazione dei dipendenti e la loro sottoposizione a visite mediche.

A seguito delle criticità e delle omissioni rilevate a carico dei datori di lavoro e dei vari responsabili della sicurezza dei lavoratori, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria22 persone e comminate sanzioni e ammende per l’ammontare complessivo di oltre € 435.000.

Purtuttavia, a fronte delle riferite irregolarità riscontrate sotto il profilo della sicurezza nei cantieri, è emerso, d’altro canto, un confortante dato relativo agli aspetti di natura previdenziale e contributiva: infatti, tra i ben 158 lavoratori controllati, solo uno è risultato non regolarmente assunto, cioè in “nero”. Segno di una attenzione alla regolarizzazione degli operai delle ditte controllate, soprattutto se impegnate nei cantieri pubblici.

La campagna dei controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Messina e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, nel settore edile, proseguirà con l’obiettivo di mantenere elevata e costante l’attenzione sulla specifica delicata tematica, quotidianamente all’attenzione della cronaca anche nazionale, confermando l’incisiva e permanente azione di prevenzione e contrasto dei Carabinieri e dell’Ispettorato del Lavoro alle violazioni che danneggiano i diritti dei lavoratori e mettono a serio rischio la loro incolumità.

 

Plauso della UIL Messina

“La Uil rivolge un forte plauso all’Ispettorato provinciale del lavoro e al Comando provinciale dei Carabinieri di Messina, unitamente alle 9 Compagnie e al Nil dell’Arma, per la forte azione di controllo dei cantieri edili al fine di contrastare irregolarità sui dirimenti temi della sicurezza sul lavoro, del lavoro nero e dello sfruttamento dei lavoratori. L’esito delle ispezioni rappresenta l’effetto di un impegno serio e costante” lo hanno affermato Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, e Pasquale De Vardo, segretario Feneal Uil Tirrenica.

“Il bilancio del primo semestre di attività portata avanti dall’Ispettorato del lavoro e dai Carabinieri è un primo tangibile risultato del Protocollo d’intesa, siglato in Prefettura da tutti i soggetti a vario titolo coinvolti nel mondo dell’edilizia, a valle di un Tavolo inter-istituzionale fortemente voluto dalla Sig.ra Prefetta di Messina dott.ssa Cosima Di Stani, nei confronti della quale esprimiamo un forte plauso per la sensibilità dimostrata e per le direttive impartite che hanno consentito di dare risposte concrete sulla questione della sicurezza sul lavoro che non può essere considerata un’emergenza soltanto il giorno dopo le tragedie mortali o i gravi incidenti che, purtroppo, anche  Messina non sono mancati. Pertanto, avere messo in campo una forte azione di prevenzione e contrasto, pressante e quotidiana, contro la  spregiudicatezza di sedicenti imprenditori edili rappresenta una scelta che condividiamo ed incoraggiamo e che porterà molti frutti sia sul tema repressivo che su quello preventivo e formativo” hanno continuato Tripodi e De Vardo.

“La lodevole azione dell’Ispettorato del lavoro e dei Carabinieri certifica la giustezza delle nostre reiterate denunce di questi anni. In tal senso, segnaliamo l’esigenza di approfondire ulteriormente l’attività ispettiva presso i cantieri dell’edilizia privata nei quali si annidano forti criticità, a partire dal lavoro nero che, è bene ribadirlo, non è assolutamente un fenomeno marginale o secondario“ hanno concluso Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, e Pasquale De Vardo, segretario Feneal Uil Tirrenica.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Politica

Sul palco insieme al leader di Sicilia Vera e Sud chiama Nord Cateno De Luca, i deputati eletti

Sport

LISA R completa le 135 miglia del percorso in 21h.18m.30s.

Cronaca

Nell’ambito di un servizio predisposto dal Comandante del Corpo di Polizia Municipale Stefano Blasco

Cultura

Dal 2 al 9 ottobre prossimi in programma quattro geoeventi

Pubblicità

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio