Seguici

Cerca nel sito

Cronaca

Il Tribunale condanna in primo grado gli occupanti dell’ex palazzo “San Leone”

Il sindacato degli inquilini “un accanimento da parte della   proprietà”

 

Il Tribunale di Messina, in data 12 luglio, ha condannato in primo grado, ad un anno e sette mesi di reclusione e 500€ di multa, gli occupanti dell’ex caserma dei carabinieri in via Gesù e Maria in San Leone di proprietà della famiglia Stagno D’Alcontres. Ricordiamo che esattamente tre anni fa, l’avvocato, per conto della stressa famiglia, si oppose alla richiesta dell’archiviazione da parte della Procura presso il Tribunale di Messina per gli indagati; oggi arriva questa ingiusta condanna!

Come se non bastasse, la ricca famiglia nobiliare, costituitasi parte civile nel processo, ha richiesto e ottenuto la liquidazione della somma di 2400€ per le spese processuali.

La grande struttura in questione, occupata per 4 mesi nel 2015 da una decina di famiglie in grave sofferenza abitativa, è ancora oggi scandalosamente chiusa e abbandonata complessivamente da 13 lunghissimi anni. Lo sgombero avvenne perché i Vigili del Fuoco certificarono gravi problemi strutturali dell’immobile.

A distanza di anni a molte di queste famiglie è stato riconosciuto il diritto ad un alloggio sociale e la caserma, ancora inutilizzata e potenzialmente pericolosa per la pubblica incolumità, non ha ricevuto alcun intervento edilizio per metterla in sicurezza.

L’intera vicenda è intrisa e per certi versi condizionata da un’arroganza di classe; questo accanimento verso soggetti fragili è il segno inequivocabile di una società sempre più verticale, sempre più iniqua e diseguale.

Inoltre le istituzioni devono urgentemente vigilare su queste strutture abbandonate da tempo e intimare ai proprietari immobiliari la riqualificazione e la messa in sicurezza.

Tutta l’Unione Inquilini, a livello nazionale e territoriale, si schiera a fianco delle famiglie che lottano per il diritto alla casa, come diritto fondamentale della persona. Saremo loro accanto per continuare questa battaglia fino alla fine del percorso giudiziario. Per la nostra Costituzione la proprietà è un diritto ma non è sacra e non superiore agli altri diritti fondamentali della persona, come quello a un alloggio civile. L’unica cosa sacra è la vita umana, che la mancanza di una abitazione mette gravemente a rischio.

Chiediamo la massima solidarietà alle forze democratiche e sociali, alle organizzazioni sindacali, alle associazioni e ai movimenti che giudicano, come noi, estremamene preoccupante questa crociata punitiva verso intere famiglie messinesi povere.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

Il sostituto procuratore Francesco Lo Gerfo ha infatti chiesto l’archiviazione per Paolo Toto

Cronaca

Il processo "Nebrodi" contro i clan dei pascolli

Cronaca

Vi sono dodici indagati nel procedimento penale aperto dalla Procura dI Barcellona Pozzo di Gotto per l’incendio, dello scorso 25 maggio a Stromboli, sul...

Pubblicità

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio