Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Frode sull’Iva, sequestrati 1 milione e 300mila euro ad una società con sede a Messina

Le indagini sono scaturite a seguito di un controllo amministrativo di Adm sulle transazioni intracomunitarie

I funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli hanno eseguito, su delega della Procura di Messina, un decreto di sequestro per frode Iva intracomunitaria per un ammontare di oltre 1.300.000 euro. Le indagini sono scaturite a seguito di un controllo amministrativo di Adm sulle transazioni intracomunitarie di una società con sede legale a Messina che, secondo l’accusa, «ha omesso qualsiasi adempimento fiscale. Tale società, volendo ostacolare i controlli, ha anche trasferito la propria sede legale in un’altra regione». «La società controllata, priva di reale struttura, si occupava della commercializzazione di apparecchiature elettroniche, prevalentemente televisori, che acquistava da aziende comunitarie e rivendeva sul territorio nazionale. Proprio in tale secondo passaggio veniva omesso il versamento all’erario dell’imposta a debito ricevuta dai clienti, innescando il meccanismo di frode, e non veniva presentata la dichiarazione Iva», conclude la nota dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

"Nessuna ipotesi di reato e nessun grave indizio di colpevolezza"

Cronaca

“Risulta corretta la successiva decurtazione totale o parziale del punteggio ad essi attribuito in sede di formazione della graduatoria provvisoria”, secondo il Giudice del...

Cronaca

Condanna per l’aggressore dell’avvocato Antonio Lanfranchi, presidente di una sottocommissione per gli esami di abilitazione alla professione forense, che il 23 giugno scorso venne...

Attualità

15 voti contro i 14 della collega Raffa

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio