Cerca articoli o argomenti

Attualità

È il siciliano Paolo Ragusa, vicepresidente provinciale MCL Catania, il nuovo Presidente Nazionale di ALS MCL (Associazione Lavoratori Stranieri  – Movimento Cristiano Lavoratori)

Ragusa, “puntiamo sulla tutela dei migranti e sulla sicurezza nei posti di lavoro. I dati parlano chiaro, la loro presenza sul territorio italiano risulta fondamentale con un guadagno di 6,5 miliardi di euro”

ROMA – È Paolo Ragusa il nuovo Presidente Nazionale di ALS MCL (Associazione Lavoratori Stranieri  – Movimento Cristiano Lavoratori). Quarantanove anni sposato con due figlie è stato eletto dall’assemblea di ALS MCL riunita all’Hotel “Ergife” di Roma, a cui hanno partecipato Alfonso Luzzi, presidente generale di MCL e numerosi componenti della presidenza nazionale.

Ragusa, da oltre vent’anni impegnato nei servizi di accoglienza e di inserimento lavorativo per gli stranieri, aveva già ha ricoperto la carica di Vice presidente nazionale di ALS MCL e di Presidente regionale di ALS MCL Sicilia.

“L’ASL-MCL – spiega RAGUSA – punta sul protagonismo degli immigrati per la tutela delle loro esigenze e la crescita della nostra società. I dati parlano chiaro, la loro presenza sul territorio italiano risulta fondamentale e il contributo degli immigrati all’economia italiana e al suo sistema di protezione sociale è rilevante, nel 2021 il saldo tra spese e introiti dello Stato imputabili all’immigrazione ha segnato un guadagno per l’erario pubblico di 6,5 miliardi di euro”.

“Inoltre – continua RAGUSA – dal 2011 al 2021, si assiste a un calo del 4,1%, delle imprese in capo a italiani, mentre quelle gestite da immigrati sono cresciute del 41,5%. Nel 2022, con ulteriori 5.000 nuove attività aperte nell’anno, le imprese immigrate operanti in Italia si avvicinano a quota 650.000 (il 10,8% del totale)”.

“Dai dati a disposizione di ASL-MCL – sottolinea RAGUSA – sono sempre più numerose le richieste per garantire l’ingresso in Italia per motivi di lavoro ai cittadini provenienti dal Paesi extra Ue, dagli esiti dei click day del Decreto Flussi 2024 dello scorso marzo diffusi dal Ministero dell’Interno è emerso che sono state presentate 690 mila domande a fronte delle 151.000 quote complessivamente previste dal provvedimento per l’ingresso in Italia di lavoratori non comunitari”.

“Un tema che sarà al centro della attività che ALS MCL – prosegue RAGUSA – è quello della promozione della sicurezza dei lavoratori stranieri, che sono soggetti a un rischio infortunio mortale di quasi il triplo rispetto agli italiani. Si registrano infatti 15,6 morti ogni milione di occupati, contro i 5,4 degli italiani che perdono la vita durante il lavoro. Solo lo scorso marzo si contano 37 vittime su un totale di 151″.

“In ultimo ma non per importanza – sostiene RAGUSA – non possiamo non considerare gli oltre 18 miliardi di euro come contributi previdenziali versati nella casse dell’erario da parte degli immigrati. Una linfa vitale per il sistema socio-economico del nostro paese”

“Assumo questo incarico – conclude RAGUSA – con l’orgoglio dell’appartenenza al Movimento Cristiano Lavoratori. L’ALS MCL, da un lato è chiamata a completare l’offerta dei servizi del movimento al mondo del lavoro, dall’altro deve contribuire a realizzare un disegno di Paese che individui nel lavoro straniero una risorsa per la crescita civile e lo sviluppo economico. La mia presidenza si inserisce in una nuova stagione di MCL. La guida del presidente Alfonso Luzzi, oltre a fare crescere la partecipazione, ha portato una ventata di entusiasmo che agevolerà il mio impegno. Lavorerò, insieme al nuovo comitato esecutivo, per fare dell’ALS MCL un faro nella tutela e nella promozione dei diritti dei lavoratori stranieri”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Riunisce oltre 5mila professionisti da tutta Italia

Cronaca

La domanda di iscrizione all’Albo unico degli scrutatori ha carattere permanente e deve essere presentata soltanto una volta

Cultura

Ordinario di Anatomia veterinaria e Prorettore all’Internazionalizzazione dell’Università di Messina

Politica

A fine del rapporto con l’attuale maggioranza del sindaco Mario Bolognari

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio