Cerca articoli o argomenti

Attualità

Celebrata la Madonna della Lettera, patrona della città di Messina

Il Solenne Pontificale presieduto da S.E. Mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Stamattina 3 giugno , nella Basilica Cattedrale, ha avuto luogo il Solenne Pontificale in onore della Madonna della Lettera, patrona principale della Città e dell’Arcidiocesi la di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela, presieduto da S.E. Mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa. Hanno concelebrato l’Eucaristia S.E. l’Arcivescovo Mons. Giovanni Accolla, il Vescovo Ausiliare Mons. Cesare Di Pietro, S.E. Mons. Vittorio Mondello, Arcivescovo emerito di Reggio Calabria-Bova, S. E. Mons. Guglielmo Giombanco, Vescovo di Patti e numerosi presbiteri e diaconi, alla presenza del popolo santo di Dio.

Tra le autorità presenti: il Prefetto di Messina dott.ssa Cosima Di Stani, il Questore di Messina dott.ssa Gabriella Ioppolo, il Commissario straordinario del Comune di Messina dott. Leonardo Santoro e numerose autorità civili e militari.
Mons. Pappalardo, con semplicità e profondità di cuore, si è soffermato sulla figura di Maria come dono di maternità fatto da Gesù Cristo a tutti noi. Alle nozze di Cana è proprio Lei a far presente al Figlio la richiesta in favore degli uomini; Maria, anche in quell’occasione, intercede per le necessità umane. Si tratta di una madre – aggiunge Mons. Pappalardo – sempre sensibile, che vigila sulla vita spirituale dei suoi figli.
Il dialogo tra la Madre e Gesù, alle nozze di Cana, è pieno di umanità e naturalezza. Maria, dicendo ai discepoli «qualsiasi cosa vi dica fatela», invita loro e oggi anche noi ad affidarci a Lui, nonostante tutto e il vino buono delle nozze, che viene consumato dopo questo abbandono filiale a Gesù, è il sangue della Nuova Alleanza che purifica e rende partecipi del Suo sacrificio.
Oggi, in occasione della Solennità della Madonna della Lettera, la Città di Messina e tutta l’Arcidiocesi – ha continuato il Vescovo – ricorda questo legame forte con Maria, Veloce Ascoltatrice e perpetua Protettrice dei suoi figli che ancora Le rivolgono il grido “Oh della Lettera, Madre e Regina, salva Messina, salva Messina”. A seguire  si è effettuata la tradizionale processione del simulacro per le vie dea città.
Foto di Antonio De Felice
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Politica

"La città di Messina per certi versi è immobile, come certi silenzi sono assordanti”

Politica

Interverrà il deputato nazionale e segretario regionale dem, Anthony Barbagallo. 

Politica

Il sabato 23/09, non si e' svolta , come da programma, la seconda e conclusiva serata in segno di lutto per la scomparsa del...

Politica

Nel solco di Filippo Turati, Giacomo Matteotti

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio