Seguici

Cerca nel sito

Società

Una stazione di raccolta differenziata per la Biblioteca “Penny Wirton”

Premiati dieci studenti del Liceo E. Basile con voucher culturali per libri e abbonamenti cinema

Sono stati premiati presso il Liceo Artistico “E. Basile” di Messina da Antonello Sidoti, responsabile del Progetto “Dalle parole ai fatti”, alla presenza del Dirigente Scolastico dott.ssa Caterina Celesti e di alcuni docenti, i dieci studenti che, al termine di questo anno scolastico, hanno realizzato una stazione di raccolta differenziata destinata alla biblioteca “Penny Wirtondel Centro di Solidarietà F.A.R.O.
La struttura composta da quattro coloratissimi contenitori per vetro, carta, indifferenziata, plastica, verrà posizionata fuori dalla biblioteca e, così come è stata progettata dai ragazzi, sarà ben visibile agli utenti e darà anche un tocco originale di arredo allo spazio culturale.
Il progetto ha voluto premiare l’impegno degli studenti con dieci voucher culturali dal valore di 100€ ciascuno valido per l’acquisto di libri ed abbonamenti cinema d’autore.

L’iniziativa alla quale ha aderito il Liceo rientra nell’ambito del progetto “Dalle parole ai fatti – Custodiamo luoghi, memorie, suoni e tradizioni”, ideato e realizzato dal Centro di Solidarietà F.A.R.O. di Messina, sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD e dal Centro per il libro e la lettura.

“Portare avanti questa iniziativa al Liceo Artistico “E. Basile” – spiega Antonello Sidoti, responsabile del Progetto – è stato molto importante perché crediamo che solo facendo rete si possa diffondere sempre più una cultura di sostenibilità e sensibilità ambientale. Grazie al lodevole impegno degli studenti e dei loro docenti a beneficiarne saranno tutti gli utenti della biblioteca che da adesso si “differenzia” ancora di più in questo quartiere. Far diventare azione “normale” la raccolta differenziata è un’operazione articolata ma doverosa, solamente coinvolgendo attivamente le scuole del territorio possiamo raggiungere tale traguardo: diventare adulti consapevoli significa anche sviluppare appieno una coscienza ambientale. Siamo sulla buona strada!”.

Inaugurata lo scorso ottobre, presso i locali del Centro di Solidarietà F.A.R.O. di via San Jachiddu a Messina, la biblioteca di quartiere “Penny Wirton è intitolata al piccolo protagonista dell’omonimo romanzo di Silvio D’Arzo. La storia è quella di un bambino povero, privato di molte possibilità perché inizialmente solo ma capace di mutare la propria condizione di disagio attraverso la lettura e lo studio, accompagnato dal supporto e dalla vicinanza di un insegnante. Questo nome, Penny Wirton, indica universalmente la possibilità di un riscatto. Non a caso la biblioteca nasce nel “cuore” del quartiere Giostra con l’obiettivo di favorire la disseminazione e la fruizione dei servizi della biblioteca anche in luoghi del territorio periferici e bisognosi di attente politiche socio-culturali. Tra le sue finalità anche quella di essere un luogo per connettere sempre di più la periferia con le Istituzioni e mettere a regime tutte le strutture comunali, anche in sinergia con le scuole e con le associazioni che hanno a cuore la cultura ed il futuro della nostra città.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Cronaca

I messinesi della Città Metropolitana, si ritrovano nelle vesti di protagonisti, coprotagonisti, comparse, antagonisti, oppositori

Attualità

Saldo positivo nel primo trimestre 2022 con 650 mila euro

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio