Seguici

Cerca nel sito

Politica

MessinAccomuna: De Luca da dimenticare – puntata n. 2

Continua il viaggio nella fiera del tempo perso per Messina

A seguire la nota di MessinAccomuna:

Oggi valutiamo programmazione e tutela del territorio e alcune criticità A storiche per i servizi ai cittadini, su cui l’amministrazione appena dimessasi aveva ereditato procedure in itinere, atti o accordi istituzionali sanciti che ha bloccato, paralizzato o boicottato, o su cui ha clamorosamente fallito gli obiettivi annunciati.

· PRG (o Piano Urbanistico Generale) – L’amministrazione dimessasi aveva ereditato uno schema di piano già deliberato e proposto al Consiglio, ha dichiarato di condividerlo, ha confermato il consulente di piano e l’ufficio-piano, ma non ha riproposto la delibera, non l’ha modificata, non ha fatto avanzare il piano, ha convocato un’unica volta il consulente. Tre anni e otto mesi di tempo perso sul più importante atto di programmazione territoriale del Comune.· Dissesto idrogeologico – Anche in questo caso l’amministrazione dimessa ha ereditato una “variante di salvaguardia al PRG” considerata “di scuola” dalla comunità nazionale degli urbanisti, che avrebbe messo in sicurezza le colline e di un territorio ad altissimo rischio di dissesto idrogeologico. è stato dichiarato che quella variante era inutile perché inglobata nel PRG; falso: la “Variante”, definitiva e già dotata dei pareri, avrebbe imposto immediatamente i vincoli all’abuso del territorio, mentre il PUG (paralizzato) è in fase di redazione. Risultato; i vincoli infatti non sono scattati e, data la paralisi dello strumento urbanistico, prenderanno qualche anno per essere effettivi. Tre anni e otto mesi di tempo perso sul più grave problema territoriale della città, confidando nella clemenza del meteo.
· Palagiustizia – Ancora una volta: ereditata una soluzione logisticamente e urbanisticamente eccellente, con accordo fra le amministrazioni centrali dello Stato avviato. L’amministrazione ha sabotato questo accordo con note piene di notizie infondate e sbagliate; ha denunciato (senza mai dimostrarla) una presunta insufficienza di fondi. Ha avviato da zero una procedura di “manifestazione di interesse” per immobili da destinare a Palagiustizia; l’atto è vuoto e inefficace, visto che il Comune da ottobre 2015 è incompetente per legge sull’edilizia giudiziaria.
· Raccolta differenziata – Clamorosamente falliti tutti gli obiettivi annunciati; sistematicamente errati (anche in atti pubblici) i dati sui risultati. A dicembre 2018 veniva annunciato che nel luglio seguente si sarebbe raggiunto il 65% di differenziata: + 47,1%. A dicembre 2019 il risultato annunciato era del 23,3%, ma il dato vero (ISPRA) era il 18,8%, un misero 0,9% in più rispetto all’anno prima!
 Nel 2020 viene dichiarata una percentuale del 33,1%, ma in realtà (dati ISPRA) Messina è uno dei 5 comuni su 100 che non raggiunge il 30%; appena il 29,2%.
Nel 2021 è dichiarata una percentuale del 42%… di quanto risulterà inferiore al vero? L’azienda è stata senza Direttore Generale per oltre tre anni, per tenerla sotto il controllo politico di un professore di scuola nominato presidente.
Tre anni e otto mesi di obiettivi mancati e dati gonfiati.· Trasporto Pubblico Locale – Nel periodo 2013-2017 i chilometri percorsi da ATM erano ben più che raddoppiati, passando da 2.09.038 km. a 4.740.522 km. Nella seconda metà del 2018, l’introduzione dello “Schuttle” aveva ridotto i chilometri di circa il 10%; nessuna informazione sul 2019, ma nel 2020, si era tornati sotto i 3 milioni: 2.986.470 km. Ovviamente il Covid ha gravato, ma l’inversione di tendenza, come visto, era precedente, e questo pur con una azienda nuova e nuovi mezzi ereditati in consegna dalla precedente amministrazione.Anche per gli atti della programmazione urbana e della gestione dei servizi ai cittadini, tre anni e otto mesi persi, con mistificanti narrazioni, in danno a Messina e ai messinesi.

Commenta la notizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LEGGI ANCHE

Politica

De Luca eletto Presidente del Consiglio comunale con 23 voti. si delinea già la maggioranza in Aula, ma l'opposizione si fa sentire

Politica

“Presentiamo la seconda lista a distanza di una settimana dalla prima e sono ancora l’unico candidato a sindaco"

Politica

Parte da Catania per concludersi il 31 marzo a Palermo in piazza Indipendenza

Politica

Cateno De Luca, candidato alla presidenza della Regione Siciliana lancia ufficialmente la campagna di tesseramento e illustra il progetto politico di Sicilia Vera

Pubblicità

Copyright © 2022 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio