Cerca articoli o argomenti

Politica

Infrastrutture, Germanà (Lega): nessun definanziamento della Palermo-Catania-Messina, da sinistra illazioni

La rimodulazione del Pnrr mette in sicurezza la realizzazione della Palermo-Catania-Messina

Roma, 2 ago. – “Non ci sarà nessun definanziamento delle opere ferroviarie siciliane. La rimodulazione del Pnrr mette in sicurezza la realizzazione della Palermo-Catania-Messina e destina alcuni fondi del Piano alla velocizzazione delle linee esistenti. Occorre fare chiarezza per rassicurare i cittadini siciliani che i lavori per la nuova linea sono già in corso e continuano come da programma. Su 11 miliardi di euro già disponibili, la rimodulazione interessa solo circa 200 milioni, compensati con fondi del Contratto di Programma RFI-MIT. Le illazioni delle ultime ore sono prive di fondamento e diffuse senza conoscere i fatti”.
Così in una nota Nino Germanà, senatore siciliano e vicecapogruppo della Lega a Palazzo Madama.

“Il Governo ha confermato l’impegno a realizzare tutte le opere pubbliche previste, garantendo le coperture finanziarie necessarie per il loro completamento, utilizzando tutti i fondi a disposizione e non solo quelli del Pnrr. La maggioranza e in particolare la Lega, al contrario di una certa sinistra in questi anni, non dimenticano la Sicilia: siamo al lavoro, con il ministro Salvini, per potenziare le linee esistenti e per la realizzazione di nuovi collegamenti, che con il Ponte sullo Stretto avranno un ulteriore elemento generatore e attrattore di sviluppo e mobilità”, conclude Germanà.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Politica

Schifani si assuma le sue responsabilità e proceda alla bonifica

Cronaca

E se un poliziotto finisce sotto processo per averlo malmenato, lo Stato potrà anticipargli le spese legali (raddoppiate)

Attualità

Verranno illustrati ai parlamentari i molteplici aspetti giuridici ed amministrativi contenuti nel testo all’esame

Attualità

Gravi conseguenze per un servizio vitale in una Regione nella quale le lunghissime liste d’attesa rappresentano uno dei maggiori ostacoli al diritto alla salute

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio