Connettiti con noi

Cerca articoli o argomenti

Politica

Fondi Fsc, Prima L’italia , Germanà e Bruno: “A Messina zero euro, da regione nessuna considerazione”

Una evidente assenza di attenzione per Messina

“Il Cipe ha ripartito i fondi FSC dell’Agenzia di Coesione con una evidente assenza di attenzione per Messina. Al Comune, infatti sono andati zero euro. Circa 9 i milioni di euro invece destinati ai comuni della città metropolitana, ovvero meno dei fondi attribuiti al libero Consorzio di Siracusa”.

A dirlo in una nota l’On. Nino Germanà e Daniela Bruno responsabile provinciale di Prima l’Italia.

“Perché? Perché in assenza del presidio competente e del peso politico di una comunità – hanno precisato – i fondi vengono attribuiti in base soprattutto alle indicazioni regionali, in sede di programmazione con l’Agenzia di Coesione ma, evidentemente al presidente Musumeci e all’assessore allo sviluppo economico la città di Messina non interessa”.

Dura la presa di posizione degli esponenti di Prima l’Italia, secondo cui si è di fronte ad una “scandalosa mancanza di considerazione per Messina e per i messinesi”.

Da qui l’appello lanciato da Germanà e Bruno: “siamo al fianco di Cateno De Luca e Carlotta Previti nel rivendicare una ripartizione più equa e razionale che possa consentire alla Città dello Stretto di usufruire di queste importanti risorse finalizzate allo sviluppo sostenibile e al rilancio di Messina”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Società

Tra cui Batman, Spiderman, Ironman e Hulk

Attualità

Le istituzioni non possono restare indifferenti

Cronaca

Occorre accelerare da parte del Consiglio Comunale la nomina del Garante per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Attualità

A quasi un anno dall'ultima mareggiata del 10 Febbraio 2023

Advertisement

Copyright © 2023 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio