Cerca articoli o argomenti

Politica

De Luca: Cuffaro sostenga pure Croce, ma non dica falsità su di me

Secondo l’ex sindaco: oggi Totò Cuffaro torna rivendicando il diritto di condizionare ancora gli scenari politici

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v80), quality = 82

“Quando penso a Totò Cuffaro penso alla Sicilia degli anni ’90 e non posso credere che oggi a distanza di tutti quegli anni e dopo tutto quello che la Sicilia ha subito ci ritroviamo ancora a fare i conti con certi personaggi.

Di Totò Cuffaro ricordo una sua partecipazione nella trasmissione congiunta Maurizio Costanzo Show e Samarcanda, era il 26 settembre 1991, tra gli ospiti sedeva anche Giovanni Falcone che sarebbe stato ucciso alcuni mesi dopo. In quell’occasione Cuffaro si scagliò contro la magistratura e contro quel giornalismo che a suo dire sarebbe stato impegnato in una narrazione distorta dei fatti.

La storia ci racconta una verità diversa però e come più volte ho affermato il passato non può essere cambiato.

Oggi Totò Cuffaro torna rivendicando il diritto di condizionare ancora gli scenari politici. Ieri è stato a Messina per sostenere Maurizio Croce e ha tentato ancora una volta di travisare la verità dei fatti.

Cuffaro afferma che non mi avrebbe mai cercato, che non ci sarebbe mai stata da parte sua il tentativo di avviare un dialogo, ma che sarebbe avvenuto l’esatto contrario. È falso. Proprio Cuffaro ha chiesto di incontrarmi ed io ho detto no perché al di là delle vicende giudiziarie non voglio avere niente a che fare con personaggi come Totò Cuffaro.

È proprio durante gli anni del suo Governo che in Sicilia si tentò il ladrocinio dei beni immobili della Regione, un’operazione politico mafiosa che portò alla svendita di alcuni beni immobili che poi la Regione prese in affitto.  Questo è Totò Cuffaro, e potrei parlare di tutte le sue responsabilità politiche. Le sue vicende giudiziarie non mi interessano, ma non gli consento di tentare di travisare la verità.

Lui voleva collegare una sua lista alla candidatura di Federico Basile, una lista composta da persone rispettabili, ma segretaria cittadina della Dc di Messina è Rosalia Schirò, la cognata di Francantonio Genovese. Secondo voi potevo mai accettare?

Ho detto no a gran voce e nessuno può negarlo.

La Sicilia del ’91 l’abbiamo vista, quella Sicilia ha perso i suoi eroi, ma ha ancora i vari “Cuffaro” che vogliono condizionare il nostro destino. Non ci sto.

Oggi quel Cuffaro sostiene Maurizio Croce che evidentemente ben rappresenta quegli ambienti. Chiedetevi se volete davvero consegnare la città nelle mani di chi ha gestito la Sicilia come fosse un affare personale. Chiedetevi se volete davvero rischiare di ritrovarvi al governo chi ha la responsabilità politica dello sfascio della nostra terra. La nostra azione politica si è sempre distinta per la lotta a certi sistemi. A noi la mafia fa schifo, tutte le mafie ci fanno schifo e certi voti non li vogliamo. Preferiamo andare avanti da soli con il sostegno della gente onesta che crede ancora che un cambiamento sia possibile. Noi siamo quel cambiamento e lo abbiamo dimostrato.”

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

È urgente più che mai che la politica anteponga il merito alle proprie amicizie

Politica

Attendiamo risposta prima di intraprendere le nostre iniziative

Attualità

Il clima teso scaturito dalla contestata elezione del presidente Pergolizzi

Politica

Chiestoun confronto in pubblica piazza

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio