Cerca articoli o argomenti

Politica

Chiusura PS ospedale Fogliani. De Leo chiede soluzioni urgenti

L’ospedale Fogliani di Milazzo effettua 50.000 prestazioni di Pronto Soccorso e 12.000 ricoveri l’anno

L’ospedale Fogliani di Milazzo effettua 50.000 prestazioni di Pronto Soccorso e 12.000 ricoveri l’anno ed è classificato come DEA di primo livello. «È impensabile solo ipotizzare una sua chiusura o un suo trasferimento al presidio di Cutroni Zodda di Barcellona anche alla luce delle carenze dell’autostrada A20, alle quali si aggiungerà l’imminente chiusura per lavori del ponte sul Mela (tra Milazzo e Barcellona), con conseguente congestionamento di tutte le viabilità alternative e tempi di attraversamento molto allungati». Non ha il minimo dubbio il deputato di Sicilia Vera Sud chiama Nord Alessandro De Leo che ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione e all’assessore alla Salute per chiedere lumi sulla gestione di quella che si configura come una vera e propria emergenza.
«Entrambi gli ospedali, pur non distanti l’uno dall’altro, servono due ampi bacini di utenza in quanto, oltre ai comuni nei quali hanno sede, garantiscono l’accesso alle cure anche per una ampia rete di centri minori, abbastanza distanti e non ben collegati» prosegue. Senza dimenticare che l’ospedale di Milazzo è un presidio a gestione diretta dell’ASP di Messina che, per la sua posizione strategica, è orientato nella gestione dell’emergenza; in particolare la vivace attività del Porto di Milazzo, attivo sia dal punto di vista degli scambi commerciali che del turismo, oltre alla vicinanza di un grosso polo industriale, dove spicca la presenza di un’importante raffineria di petrolio, una rilevante centrale termoelettrica ed una acciaieria, giustificano ulteriormente la vocazione di Ospedale per l’emergenza. Alla luce di tutto ciò De Leo chiede quali siano le iniziative che la Regione e l’assessore intendono adottare per mantenere attivo il pronto soccorso presso l’Ospedale di Milazzo, durante il periodo di adeguamento dei locali, ad esempio mediante l’utilizzo dei locali dell’ex reparto di psichiatria. Chiede di saper se sia possibile garantire i servizi connessi alla natura di DEA di primo livello presso l’Ospedale di Milazzo anche con la sospensione del pronto soccorso e se si sia tenuto conto dei disagi che verranno causati, nei collegamenti tra Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto, dall’imminente chiusura del ponte sul torrente Mela, con conseguente congestione del traffico stradale sulle viabilità alternative.
Insieme ai colleghi chiede inoltre di conoscere quali siano le ragioni della attuale chiusura del reparto di pronto soccorso presso l’Ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto e quali siano le ragioni, più in generale, della mancata riattivazione dei servizi e dei reparti attivi presso l’Ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto prima della trasformazione dello stesso in Ospedale COVID. Infine intende sapere se sia intenzione dell’ASP di Messina, e con quali tempistiche e modalità, di ripristinare la piena funzionalità dell’Ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, con garanzia del pronto soccorso, dei servizi e dei reparti fondamentali, superando la natura, evidentemente transitoria, di ospedale COVID.
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Si sono verificate situazioni di difficoltà per le trasfusioni soprattutto, per quanto concerne, i pazienti anemici cronici

Cronaca

Gli uffici dell’ ex Po Mandalari, in un’altra area sempre del medesimo presidio

Cronaca

Le misure cautelari riguardano anche rappresentanti di società di distribuzione locale di multinazionali di dispositivi medici

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio