il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

A Messina per il suo secondo scalo, sui 12 programmati fino al 30 dicembre, la Costa Smeralda, nave ammiraglia della Costa Crociere

Si rianima l´attività croceristica nel porto peloritano

Stampa
Dal mese di Ottobre 2019 in cui gli approdi di navi da crociera nel porto peloritano erano stati ben 35 e i passeggeri movimentati 62.777, sembra passata un’eternità e mai era possibile prevedere la situazione surreale e drammatica che il mondo avrebbe vissuto di lì a qualche mese. Ma i porti rappresentano da sempre il cuore pulsante delle città di mare e rivedere le grandi navi da crociera attraccate sulle banchine di riva a Messina, con tutti gli addetti impegnati nelle diverse attività collaterali e a supporto,è un segno di vitalità che accende la speranza. Oggi a Messina per il suo secondo scalo, sui 12 programmati fino al 30 dicembre, la Costa Smeralda, nave ammiraglia della Costa Crociere, con a bordo 769 ospiti a bordo. Ad attenderli 17 bus che hanno portato i crocieristi in escursione a Messina e provincia. Domani invece, sin dalle prime luci dell’alba, è atteso lo scalo della MSC Magnifica, seconda nave della Compagnia a riprendere il mare dopo il blocco totale delle operazioni, che inaugurerà la stagione autunnale di MSC a Messina con la previsione di 7 scali fino al 20 dicembre. La nave della classe Fantasiaè lunga 298 metri ed oltre ad assicurare a bordo, nei dieci giorni di itinerario fra Italia, Malta e Grecia, un’esperienza certamente “magnifica” fra attività sportive, relax e intrattenimento (nello spettacolare casino, in discoteca, nel cinema 4 D o nel teatro da 1.200 posti), offrirà ai passeggeri escursioni a terra alla scoperta delle bellezze di Messina (con ben due tour dedicati, il primo su bus che arrivano fino a Capo Peloro con tappe successive in tutto il centro città, e l’altro a piedi), Etna e Taormina e Tindari. Rigorosissimo, e molto apprezzato dalle Autorità sanitarie, il protocollo per l’emergenza COVID messo a punto dalla Compagnia con il supporto di un team di esperti internazionali che prevede misure ulteriormente rafforzate rispetto alle linee guida del Comitato tecnico-scientifico, tra cui tamponi antigene per tutti gli ospiti e per l’equipaggio prima dell’imbarco sulla nave ed escursioni “protette” organizzate esclusivamente dalla Compagnia per i propri ospiti. Il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, Mario Mega, considera la ripresa delle operazioni di MSC a Messina “un segnale di grande speranza e di buon auspicio per la stagione 2021. La Compagnia ha mostrato,in un momento tanto complesso e difficoltoso, l’alta professionalità di tutto il suo team, attivando già da settimane un confronto proficuo con la nostra AdSP, ma anche, e correttamente, con le altre Istituzioni cittadine competenti, le forze di polizia e soprattutto le autorità sanitarie locali. MSC ha in particolare raccolto il nostro invito e aperto un’interlocuzione con il Comune di Messina per l’ampliamento dell’offerta escursionistica in città e nei prossimi giorni sarà proposta agli uffici di Ginevra anchela nuova destinazione rappresentata da Reggio Calabria e dal suo splendido territorio”.
giovedì 22 ottobre 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo