il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Dj morta: zia contatta sensitiva, 'Gioele č vicino a madre'

Dj morta, perito:“ non possiamo escludere nulla“

Stampa
(ANSA) - CARONIA, - Non lasciano intentato alcunché i familiari di Gioele per trovare il bambino di 4 anni scomparso da 11 giorni, con la madre, Viviana Parisi, trovata morta nelle campagne di Caronia. Così Mariella Mondello, zia paterna del piccolo, ha contattato anche una sensitiva, Rosa Maria Laboragine, che si dice "convinta che Giole verrà ritrovato a breve". "Lui - aggiunge - è lì, vicino alla madre e probabilmente adagiato su alcune foglie". "Sono diversi giorni - aggiunge Laboragine - che sto male per la situazione di questo bambino. Se non dovesse essere ritrovato tra qualche giorno verrò io ad aiutarli. Sono sicura che il suo corpicino verrà ritrovato e portato alla famiglia".;Non è stata risolutiva l'autopsia sulla dj Viviana Parisi per chiarire con certezza la causa della sua morte. "Al momento - ha detto la professoressa Elena Ventura Spagnolo perito della Procura di Patti - non possiamo escludere nulla, perché le lesività sul corpo che abbiamo rilevato possono essere compatibili con tutte le ipotesi possibili. Abbiamo dei dati che vanno studiati e attenzionati. Lavoreremo ad esclusione fino ad accertare con certezza la causa e l'epoca della morte". Per l'avvocato Pietro Venuti, legale del marito della vittima, sono "emerse delle fratture su più parti del corpo - ha detto che era in avanzato stato di decomposizione". Aggiungendo che è vero che "serviranno altri esami per capire cosa sia successo", ma sottolineando che "sono ferite compatibili con una caduta dall'alto.
Ma ci sono, o meglio c’erano, altri due testimoni – scrive "Libero" i quali al contrario hanno riferito a caldo, dopo l’incidente e la sparizione, di aver visto la madre e il figlio scavalcare il guardrail che conduceva nel bosco dove Viviana è stata trovata morta e sfigurata. Addirittura, affermavano che la donna avrebbe tenuto in braccio il piccolo Gioele. Peccato che questi due testimoni siano spariti, non sono stati più rintracciati e non si sono presentati alla polizia. Tanto che il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, che coordina le indagini, ha lanciato nei giorni scorsi un appello affinché i due si presentino alle autorità. E ovviamente, il mistero si infittisce, cresce, si ingigantisce.
mercoledė 12 agosto 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo