Connettiti con noi

Cerca articoli o argomenti

Cultura

La stagione teatrale ai Magazzini del Sale, in scena, sabato 25 e domenica 26 novembre “Umanità Nova – cronaca di una mancata rivoluzione”

La compagnia Carullo-Minasi con lo spettacolo finalista Premio Dante Cappelletti 2023

La stagione teatrale ai Magazzini del Sale prosegue e giunge al terzo appuntamento. In scena, sabato 25 e domenica 26 novembre, la compagnia Carullo-Minasi con “Umanità Nova – cronaca di una mancata rivoluzione” -Spettacolo finalista Premio Dante Cappelletti 2023-Lo spettacolo, per la drammaturgia di Fabio Pisano, ha come protagonista Giuseppe Carullo, diretto da Cristiana Minasi. I costumi sono di Letteria Pispisa e gli elementi di scena curati da Cinzia Muscolino.

Questo spettacolo non ricostruisce la verità, ma la ricerca secondo un modello che ricalca un modo di essere e di stare alla vita, paradigma di cui il teatro tenta di essere la massima realizzazione.

 

I Moti di Reggio, i cinque anarchici morti sulla strada, sono la disturbante scheggia di un’ Italia impazzita, sono l’eco di un “mito” andato a finire male. Una generazione, quella dei ventenni del ’68, che ha lottato e che ha perso, anzi peggio è stata strumentalizzata dal potere.

Ha ragione lo scrittore Luis Sepulveda: “Narrare è resistere”.

Resistere alla tentazione di dimenticarli, di dimenticare.

 

Lo spettacolo intende farsi portatore dell’importanza della Storia, della sua conoscenza e della sua corretta trasmissione per evitare che i fatti si ripetano senza che li si conosca.

Non a caso il titolo dello spettacolo richiama il nome del celebre settimanale anarchico.

La scrittura del testo attraversa diversi protagonisti della vicenda, su tutti, Angelo Casile, uno dei cinque anarchici, ma non solo lui. Ci sono tante voci con linguaggi diversi ma col comune senso di raccontare dal proprio punto di vista la vicenda, una vicenda che pur rappresentando la Storia con la s maiuscola, ha finito per diventare una storia con la s minuscola, una storia che si è cercato in tutti i modi di dimenticare ma soprattutto di far dimenticare. Compito della drammaturgia è stato proprio quello di ripristinare i fatti, di assemblarli seguendo l’ordine degli eventi, eventi che vanno da Reggio a Milano, perché quel periodo storico, quell’occasione mancata in fondo non conosceva nord e sud, non conosceva settentrione e meridione. Ma riconosceva soltanto un sentimento comune: quello della rivalsa e della vendetta.

 

Sabato 25 ore 21,00

Domenica 26 ore 18,30

Biglietto intero € 12,00

Ridotto (under 25) € 10,00

 

E’ necessaria la prenotazione (preferibilmente tramite messaggio whatsapp) al 339 5035152

 

Magazzini del Sale, via del Santo 67 -Messina

Nella foto:Angelo Maggio

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cultura

 Lo spettacolo del noto regista e drammaturgo palermitano è l’ultima produzione del Teatro dei 3 Mestieri. Protagonisti sulla scena gli attori Stefano Cutrupi e Silvana...

Cultura

Protagoniste, insieme alla Rondinelli, le attrici Donatella Finocchiaro e Giovanna Mangiù. Una storia attuale e potente contro la violenza sulle donne

Cultura

Progetto finanziato dal Ministero della Cultura e dal Comune di Messina

Advertisement

Copyright © 2023 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio