Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Unione Inquilini: A Messina 229 sfratti, 80 dei quali eseguiti con la forza pubblica

Si chiede una nuova politica abitativa

Uno dei paradossi di Messina e di tante altre città italiane, forse il più clamoroso, è che di fronte ai fenomeni di spopolamento si registra l’emergenza abitativa per migliaia di famiglie. Così centinaia di case restano sfitte e inutilizzate, mentre molti nuclei familiari, soprattutto quelli sotto sfratto, o chi vive ancora in baracche e casette ultrapopolari, vivono in uno stato di assoluta precarietà.

E di questo, così come anche di altri temi legati alle Politiche abitative, si occuperà il IV congresso dell’Unione Inquilini di Messina che si svolgerà oggi e che cade in una fase socio-economica e politica giudicata dai rappresentanti dell’organizzazione come «estremamente preoccupante».

Lo scorso mese – affermano i rappresentanti locali dell’Unione – «si è tenuto il Congresso nazionale del sindacato all’insegna del rinnovamento generazionale e di genere, ma soprattutto con l’assoluta convinzione di innescare una collettiva e necessaria stagione di lotte nel Paese». Ed è su questa scia che si aprirà l’assise provinciale, nella sede della “Casa del Popolo” di via degli Amici 21. I lavori congressuali saranno incentrati, come preannunciato, nella «fase attuale di forte precarietà lavorativa e in particolare sul disagio abitativo vissuto nella nostra città da circa 3000 nuclei familiari. Molteplici saranno i punti di discussione e di dibattito: la crisi post pandemica, l’economia di guerra, l’impennata insostenibile dei beni di prima necessità e del carrello della spesa, l’azzeramento dei fondi contributi affitto e morosità incolpevole, il taglio del reddito di cittadinanza e dell’allegato contributi affitto e il ritardo nell’implementazione di misure alternative ad essi, i 229 provvedimenti di sfratto a Messina nel 2022 (il 91% per morosità), 80 sfratti eseguiti con la forza pubblica (+ 321% rispetto all’anno precedente), la perdurante carenza di attenzione verso la situazione socio-sanitaria di nuclei familiari già problematici e di persone invalide rimaste isolate e pertanto psicologicamente ancora più fragili, il processo di risanamento e l’assegnazione degli alloggi, la condizione degli studenti fuori sede. Dentro questo contesto – insiste l’Unione inquilini – anche il nostro Congresso cittadino si incaricherà di definire una linea programmatica rinnovata e adeguata ad affrontare le gravi emergenze sociali e la vasta sofferenza abitativa. Intendiamo porre le basi per un sindacato sempre più radicato, per una nuova politica abitativa e per costruire una coalizione sociale più ampia per il diritto all’abitare».

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Assegnazione borse di studio per giovani censiti nelle aree di risanamento

Attualità

Questa sera dalle 20.30 alle 21.30 evento globale promosso dal WWF sul tema del contrasto al cambiamento climatico

Attualità

MESSINA. Ancora una volta a vincere è stata Messina. I protagonisti del successo, invece, i suoi vini, interpreti principali per la “due giorni” piena...

Attualità

XXIX Giornata Nazionale della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio