Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Omicidio del gioielliere Mortilli, dopo 26 anni trovato il terzo uomo : è il messinese Alessandro Galletta

Pluripregiudicato, in un primo tempo finito nel registro degli indagati ma poi archiviato

Era la sera del 21 maggio 1997. Carlo Mortilli, rappresentante di orologi di lusso, fu freddato da un colpo di pistola durante una rapina degenerata nel parcheggio dell’hotel West Garda di Padenghe del Garda. Sulla scena del delitto c’erano tre malviventi, ma solo due furono identificati, arrestati e condannati.

All’appello mancava un terzo uomo, che dopo 26 anni avrebbe un nome e cognome: Alessandro Galletta, cinquantenne originario di Messina, residente nel Bresciano. Ne dà notizia il quotidiano Il Giorno in un articolo di Beatrice Raspa. La procura gli ha notificato un provvedimento di conclusione indagini per l’omicidio e la rapina del gioielliere. Un cold case riaperto, per l’appunto, grazie alla prova del Dna rintracciato sui reperti raccolti all’epoca, ma che in precedenza non era stato abbinato a un volto con ragionevole certezza.

Quella sera di maggio Mortilli fu attirato in trappola da finti clienti che credeva interessati a un affare, invece erano rapinatori pronti a scappare con la sua valigetta carica di orologi.

Alla ferma e inattesa reazione del gioielliere, però, uno dei banditi premette il grilletto, sparandogli a bruciapelo. Per la giustizia a uccidere fu Marcello Domenico Fortugno, condannato per l’omicidio e la rapina a 17 anni e otto mesi. Il secondo uomo era Fabio Consolato, colui che avrebbe teso la trappola, ritenuto colpevole solo di rapina: rimediò una condanna a quattro anni. Entrambi erano stati assolti in primo grado ma la Corte d’assise d’appello ribaltò il verdetto, confermato in Cassazione.

Ora il ritorno in auge della figura di Galletta, pluripregiudicato, in un primo tempo finito nel registro degli indagati ma poi archiviato per mancanza di riscontri certi. Su alcuni reperti sequestrati all’epoca – passamontagna e guanti abbandonati sulla scena del delitto – era stato isolato un Dna. Il profilo genetico del cinquantenne, raccolto dalla penitenziaria in occasione di un suo ingresso in carcere, è stato inserito nella banca dati nazionale (attiva del 2016) e si è scoperto che combacia con quello isolato sugli oggetti sequestrati nel 1997, già analizzato dal Ris di Parma. Il sospettato ha tre settimane per decidere se farsi sentire dal magistrato o depositare materiale difensivo. Poi la Procura potrà chiedere il processo.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

Buona giustizia a Messina. Riconosciuto l'inserimento al lavoro ad un disabile messinese dopo un'ingiusta condanna

Cronaca

"Nessuna ipotesi di reato e nessun grave indizio di colpevolezza"

Cronaca

“Risulta corretta la successiva decurtazione totale o parziale del punteggio ad essi attribuito in sede di formazione della graduatoria provvisoria”, secondo il Giudice del...

Cronaca

Condanna per l’aggressore dell’avvocato Antonio Lanfranchi, presidente di una sottocommissione per gli esami di abilitazione alla professione forense, che il 23 giugno scorso venne...

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio