Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Messina,  trasportava cocaina occultata in mezzo alla ‘nduja, 52enne arrestato dai Carabinieri

Arrestato, in flagranza di reato, un 52enne calabrese, già noto alle forze dell’ordine, per trasporto di sostanze stupefacenti

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno arrestato, in flagranza di reato, un 52enne calabrese, già noto alle forze dell’ordine, per trasporto di sostanze stupefacenti.

Nel corso di servizi coordinati per il controllo del territorio, finalizzati, nello specifico, al transito dei passaggi presso la rada San Francesco, i Carabinieri della Stazione di Bordonaro hanno fermato un’autovettura con alla guida un 52enne calabrese che, durante il controllo, mostrava un insolito nervosismo non fornendo plausibili ragioni circa i suoi spostamenti e di conseguenza veniva sottoposto a perquisizione personale e veicolare. L’esito delle attività di perquisizione permetteva di rinvenire, abilmente occultati all’interno di due vani appositamente ricavati dietro gli stop posteriori dell’autovettura, circa 3,4 chilogrammi di sostanza stupefacente tipo cocaina, suddivisa in cinque panetti “avvolti” da una pellicola trasparente al cui interno vi era della ‘nduja.

La droga, sottoposta a sequestro, è stata inviata al Policlinico Universitario “G.Martino” di Messina per le analisi di laboratorio che hanno accertato la purezza della sostanza stupefacente e pertanto l’uomo è stato arrestato, in flagranza di reato, per trasporto di sostanze stupefacenti.

Al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’arrestato è stato trattenuto presso la camera di sicurezza della caserma dei Carabinieri di Tremestieri in attesa del rito di convalida presso il Tribunale di Messina.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e per l’indagato vale il principio di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva, ai sensi dell’art. 27 della Costituzione.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

Ultimate le formalità, due indagati sono stati ristretti in carcere, mentre il terzo è stato sottoposto agli arresti domiciliari

Cronaca

Le indagini svolte dai militari della Stazione Carabinieri di Falcone e coordinate dalla Procura della Repubblica di Patti guidata dal Procuratore Capo Angelo Vittorio Cavallo

Cronaca

Durante un servizio di controllo del territorio, predisposto a Barcellona Pozzo di Gotto

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio