Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Gli addebitano un furto e come “risarcimento” chiedono 3mila euro. Tre messinesi arrestati

I Carabinieri della Stazione di Santo Stefano Medio hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 31enne, di un 35enne e di un 67enne, tutte persone già note alle Forze dell’Ordine

Nel tardo pomeriggio del 13 marzo 2023, i Carabinieri della Stazione di Santo Stefano Medio hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Messina, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 31enne, di un 35enne e di un 67enne, tutte persone già note alle Forze dell’Ordine, sul cui conto il Giudice ha riconosciuto gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di “tentata estorsione in concorso”.

 

L’indagine è stata avviata a seguito della denuncia presentata, presso la Stazione Carabinieri, da un 25enne messinese, a cui era stata avanzata una richiesta estorsiva. Dallo sviluppo dell’attività investigativa, sarebbero emersi reiterati tentativi di estorsione da parte dei tre arrestati, i quali, attraverso aggressioni e minacce, avrebbero preteso dal 25enne la consegna di 3.000 euro, giustificata quale “risarcimento” per un presunto furto di alcune attrezzature, addebitato alla vittima, presso un cantiere edile, ove operava la ditta di uno degli indagati. In particolare, i militari dell’Arma hanno documentato che, sin dal gennaio scorso, i tre presunti estorsori si sarebbero recati, più volte, presso l’abitazione della vittima avanzando le richieste estorsive, anche in presenza dei suoi familiari, indirettamente coinvolti nella vicenda, facendo riferimento anche all’uso delle armi, qualora il 25enne non avesse ottemperato al pagamento. Dalle indagini, non sono emersi elementi di riscontro in ordine all’effettiva commissione del furto in cantiere da parte della vittima, tuttavia la richiesta della somma di denaro da parte degli indagati era comunque risultata nettamente superiore al valore del materiale che sarebbe stato asportato.

I presunti responsabili, sono stati pertanto rintracciati dai Carabinieri e, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, ristretti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e per gli indagati vale il principio di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva, ai sensi dell’art. 27 della Costituzione.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Cronaca

Le investigazioni, portate avanti attraverso sopralluoghi, puntualmenteeffettuati nelle aree interessatedagli incendi

Cronaca

Nei giorni scorsi, a Condrò, nell’ambito di predisposti servizi finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio