Cerca articoli o argomenti

Cronaca

Centro Nemo Sud, il Tribunale del riesame annulla il sequestro di beni al prof. Giuseppe Vita

Ha annullato anche quella parte e disposto la restituzione dei beni sequestrati

I giudici del Riesame hanno annullato integralmente il sequestro preventivo deciso a suo tempo dal Gip per il prof. Giuseppe Vita, ex direttore della Neurologia del Policlinico e per un periodo direttore del centro Nemo Sud, che secondo la Procura è accusato di corruzione. I giudici hanno accolto il ricorso che aveva presentato nelle scorse settimane il suo difensore, l’avvocato Bonni Candido, disponendo anche la restituzione delle somme in sequestro. A carico del prof. Vita quindi in atto non rimane alcuna restrizione. Già un paio di settimane addietro la gip Claudia Misale, anche su parere favorevole della Procura, sul piano cautelare aveva revocato la misura interdittiva a carico del prof. Vita.

“Come difensore sono certamente soddisfatto per l’ennesimo risultato positivo conseguito dal mio assistito in questa vicenda”, ha evidenziato l’avvocato Bonni Candido. Pochi giorni dopo l’applicazione della misura cautelare è stato lo stesso gip a rendersi conto – sulla base delle nostre allegazioni – che non vi erano le condizioni per mantenere la misura interdittiva applicata al Prof. Vita ma aveva al contempo mantenuto la misura del sequestro preventivo. Adesso a seguito di nostra istanza di riesame il Tribunale – nonostante il parere contrario della Procura – ha annullato anche quella parte e disposto la restituzione dei beni sequestrati. Da ciò si deve trarre che l’ordinanza del 14 maggio è totalmente priva di effetti a carico del mio assistito. Questi sviluppi dovrebbero fare riflettere tutti, una volta di più, sul reale valore da attribuire ad ordinanze custodiali alimentate, come noto, solo e soltanto dagli atti di indagine senza che la difesa – fino a quel momento – abbia potuto toccare palla. Sono ben conscio che questo è solo l’inizio e non intendo minimamente assumere atteggiamenti trionfalistici. Sono, però, anche certo che le prossime valutazioni dell’Ufficio di Procura non potranno non tenere conto delle superiori favorevoli pronuncie tutte di segno contrario rispetto alle ipotesi accusatorie”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Gli interventi di pulizia del litorale marittimo, avviati già a maggio, proseguono con ritmo costante.

Sport

“Incarico frutto di sacrificio e dedizione a questo progetto”

Politica

Abbiamo poco tempo ed un grande obiettivo, mobilitiamoci tutti

Cultura

Organizzata dalla Casa della Musica e delle Arti “Giuseppe e Rosa Uccello”

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio