Cerca articoli o argomenti

Attualità

TAC del Cuore nei pazienti con Infarto Miocardico: un finanziamento del Ministero della Salute alla Radiologia dell’AOU “G. Martino” 

Lo scopo dello studio è quello di predire il rischio di eventi avversi o complicanze nei pazienti con infarto miocardico acuto

Progetto senza titolo - 1

 

Osservare il cuore da vicino con immagini radiologiche avanzate per cogliere in tempo i possibili rischi di infarto. È l’opportunità che sarà sempre più concreta grazie al finanziamento che l’Unità Operativa di Radiodiagnostica dell’AOU “G. Martino” di Messina, diretta dal prof. Alfredo Blandino, ha ottenuto dal Ministero della Salute.

116.000 euro per la ricerca di parametri d’imaging che possano permettere una migliore stratificazione del rischio in pazienti con infarto miocardico. Il finanziamento rientra nel prestigioso progetto ministeriale di Ricerca Finalizzata, riservato ai giovani ricercatori sotto i 40 anni di età, assegnato al prof. Tommaso D’Angelo, dirigente medico radiologo presso la UOC di Radiodiagnostica dell’Azienda ospedaliera universitaria di Messina.

Centro capofila è l’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino – Ospedale Molinette, con il coinvolgimento di altre due strutture sul territorio nazionale, l’Istituto Auxologico Italiano – IRCCS – Ospedale San Luca di Milano e l’AOU “G. Martino” di Messina, per un finanziamento complessivo di 444.433 euro.

Lo scopo dello studio è quello di predire il rischio di eventi avversi o complicanze nei pazienti con infarto miocardico acuto, introducendo nuovi parametri da valutare nell’imaging TAC del cuore. A tal fine saranno utilizzate metodiche d’imaging avanzato (TAC/ risonanza RMN) e programmi di intelligenza artificiale, in modo da poter ottimizzare il percorso terapeutico del paziente con infarto miocardico, a seconda del suo profilo di rischio.

La Ricerca Finalizzata è un bando competitivo di ricerca sanitaria volto ad assicurare lo sviluppo e la qualità delle prestazioni del Servizio sanitario ai cittadini. Tale finanziamento vedrà il coinvolgimento sinergico delle Unità Operative di Cardiologia Interventistica e UTIC, dirette dal prof. Antonio Micari e dal prof. Gianluca Di Bella.

Un progetto che consolida l’importanza dell’uso delle immagini radiologiche avanzate anche per il trattamento delle patologie cardiovascolari; un ambito in cui l’AOU G. Martino è parte attiva sia sul fronte della ricerca scientifica che sul piano assistenziale.

Per ulteriori informazioni su TAC cuore e Risonanza Magnetica cardiaca è possibile consultare la pagina dedicata sul sito aziendale dell’AOU “G. Martino” https://www.polime.it/page_view.php?pageid=489

Nella foto igli autori coinvolti: da sinistra i Prof. Tommaso D’Angelo, Alfredo Blandino, Antonio Micari e Gianluca Di Bella. 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Si sono verificate situazioni di difficoltà per le trasfusioni soprattutto, per quanto concerne, i pazienti anemici cronici

Cronaca

Gli uffici dell’ ex Po Mandalari, in un’altra area sempre del medesimo presidio

Cronaca

Le misure cautelari riguardano anche rappresentanti di società di distribuzione locale di multinazionali di dispositivi medici

Attualità

Nell’ambito delle iniziative volte all'implementazione della comunicazione istituzionale attraverso il sito web e i canali social dell’IRCCS

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio