Cerca articoli o argomenti

Attualità

Riunione a Palermo sul deficit idrico in Sicilia: nota stampa del sindaco Basile. Nota di Gioveni

“Un plauso alla nostra attività e ai nostri interventi mirati a contrastare il deficit idrico in atto nella nostra Regione”

“A Messina, state facendo un ottimo lavoro”.

A comunicare i complimenti giunti alla Città di Messina è il sindaco Federico Basile. “Un plauso alla nostra attività e ai nostri interventi mirati a contrastare il deficit idrico in atto nella nostra Regione – evidenzia Basile – manifestatodal presidentedellaRegionesiciliana Renato Schifani,al terminedellariunioneconvocataquestamattina a Palazzo d’Orléans con tutti irappresentantideisoggettiattuatori,società di gestione, Ati e Comuni e icomponentidellastruttura per l’emergenzasiccità”.

“Complimenti certamente graditi in quanto rappresentano il riconoscimento del nostro impegno, ma non sono sufficienti.Oggi siamo stati convocati – spiega il sindaco Basile – perché il presidente Schifani ha preso atto del ritardo sui progetti finanziati.Per Messina, la situazione è diversa, in quanto siamo stati esclusi dai finanziamenti per ragioni politiche, nonostante avessimo presentato progetti esecutivi e soluzioni concrete per affrontare la crisi idrica. Chiediamo da tempo di essere ascoltati, ma finora questo non è avvenuto. Nel corso della odierna riunione abbiamo presentato in cabina di regia altri 7 progetti immediatamente realizzabili per un importo totale di €2.434.173, adessoseguiremo gli sviluppi ma certamente non staremo ad aspettare la Regione”.

Al rientro da Palermo, il Primo cittadino ha già convocato una seduta di Giunta comunale per l’appostazione contabile di €1 milione destinati a fronteggiare la crisi idrica.

“Continueremo a seguire il nostro percorso per affrontare la siccità del 2024, definita eccezionale dagli stessi vertici regionali.Le nostre iniziative, pensate e pianificate con anticipo, sono finanziate con fondi comunali e mirano a garantire l’autonomia nella gestione delle risorse idriche.Abbiamo la consapevolezza della bontà delle azioni messe in campo, ma è ovvio che la Regione deve fare la sua parte”, conclude il sindaco Basile.

La nota del consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia

“L’incontro che ieri il sindaco Basile ha avuto a Palermo con il Presidente della Regione Schifani sulla crisi idrica forse poteva essere propizio per chiedere l’avvio delle procedure per l’attuazione dell’art. 6 della L.R. 11 agosto 2015 n. 19 !”. 

Il consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia, rispetto all’incubo siccità, rilancia la proposta finalizzata a far reperire una maggiore capacità idrica alla città di Messina attraverso il possibile recesso della convenzione con Siciliacque sulla gestione della condotta dell’Alcantara da parte del Governatore.

E quale migliore occasione del tavolo tenutosi ieri a Palazzo d’Orleans col Presidente Schifani per formalizzare questa richiesta? – si chiede Gioveni.

La L.R. n. 19/2015 all’art. 6, infatti – ricorda il consigliere – in relazione alla “gestione del sistema acquedottistico della Sicilia e del relativo servizio di erogazione di acqua per uso idropotabile”, stabilisce che “…il Presidente della Regione valuta la sussistenza dei presupposti per l’eventuale esercizio del diritto di recesso della Convenzione con Siciliacque S.p.A.”, ovvero fa in modo che la stessa possa garantire la possibilità di accesso all’acqua come bene primario secondo criteri di solidarietà.

Insomma – spiega il capogruppo – la Regione potrebbe far riappropriare la città di Messina dell’acqua della condotta dell’Alcantara senza che Amam debba chiederne l’utilizzo a Siciliacque e soprattutto senza versarne ad essa il relativo corrispettivo economico.

Il prezzo al metro cubo dell’acqua fissato da Siciliacque è di 69 cent. – evidenzia Gioveni – certamente troppo alto a che Amam la possa acquisire per poi distribuirla agli utenti a fronte di un costo minore.

Eppure la condotta dell’Alcantara – insiste l’esponente di FdI – anche se negli ultimi anni ha subìto una sensibile diminuzione della portata, si rivelerebbe certamente preziosa come ausilio alla condotta del Fiumefreddo, che al netto della sua attuale minore capacità idrica, è anche spesso soggetta a guasti o a rischi di natura idrogeologica.

Peccato quindi – conclude Gioveni – che il sindaco Basile, a meno che non lo abbia fatto ma non lo abbia comunicato alla città, non abbia tentato di proporre questa soluzione che peraltro ha dei precisi riferimenti normativi e che certamente potrebbe, unitamente a tante altre di natura tecnica che si stanno valutando, fronteggiare quell’emergenza idrica che purtroppo ormai sembra essere diventata un incubo senza fine per i Messinesi.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Attualità

Gli interventi di pulizia del litorale marittimo, avviati già a maggio, proseguono con ritmo costante.

Sport

“Incarico frutto di sacrificio e dedizione a questo progetto”

Politica

Abbiamo poco tempo ed un grande obiettivo, mobilitiamoci tutti

Cultura

Organizzata dalla Casa della Musica e delle Arti “Giuseppe e Rosa Uccello”

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio