Cerca articoli o argomenti

Attualità

Randagismo a Messina e deportazioni di animali. Replica di una volontaria

Sono quasi 20 anni che lotto per gli animali contro ogni abuso o omissione perpetrati nei loro confronti.


Sono quasi 20 anni che lotto per gli animali contro ogni abuso o omissione perpetrati nei loro confronti.Le nefandezze che accadono a Messina sono gravi e non vengono, quasi mai, messe in luce. Abbiamo un canile comunale in quanto la lega del cane che gestisce il canile percepisce soldi pubblici che in realtà dovrebbero servire per la cura e il mantenimento dei cani ma che purtroppo non avviene. Vi sono box con 7-8 cani chiusi sempre dentro 24h su 24h senza possibilità di sgambare, senza possibilità di essere adottati in quanto non ci sono iniziative in merito e il canile al pubblico chiude alle 12,30. Molti cani sono malati e non curati tranne quando ormai sono allo stremo, qualche altro muore, visto che il cibo, a quanto pare, forse non basta fino all’indomani . Eppure basterebbe poco curare i cani malati, servirebbe solo stipulare una  una convenzione con l’ospedale veterinario per usufruire del loro aiuto visto che ci sono tanti Veterinari laureandi che potrebbero somministrare la terapia! Nel 2020 è stato emanato un bando di gara per i cani comunali in esubero e nel 2021 ha vinto il canile parco di Taurianova .  Intanto il bando inziale è stato illegale in quanto il canile vincente del bando era commissariato. Inoltre il canile vincente si trova in altra Regione dove la legge regionale è diversa da quella siciliana. Si dovevano trasferire 101 cani ma all’improvviso entro 1 mese i cani sono misteriosamente spariti per il dipartimento ambiente e sanità sono stati tutti adottati o sono stati trasferiti in altri rifugi al Nord! Parliamo adesso dei gatti comunali: Nel 2020 sempre il dipartimento ambiente e sanità di cui il dirigente e il suo assistente dotati di una mente geniale hanno pensato bene di fare un bando di gara. Ha vinto un gattile di Gela denominato “Dog Village”, con un un contratto, a quanto si deduce, ben remunerato, ma nulla , di fatto, è cambiato  ancora oggi   soccorriamo i gatti di strada a Messina . Anche in questo caso  sono soprattutto trasporti illegali –  come emanato dal Ministero della salute gli animali malati non si possono trasportare tranne solo in casi eccezionali e dietro autorizzazione sanitario dell’asp ma anche, in questo caso, –  a quanto pare – il dipartimento ambiente e sanità disconosce le leggi o le interpreta a modo proprio il tutto con  i soldi pubblici dei contribuenti messinesi!!Anche in questo caso basterebbe poco curare i gatti fare un gattile sanitario a norma di legge adeguando una struttura già esistente e curare i nostri gatti in città con gli stessi soldi spesi per il bando a danno degli animali Tutto questo con il plauso di tutti Asp, Comune e varie associazioni che dopo aver saputo di questi fatti non hanno fatto nulla per impedire la deportazione degli animali. La giustizia è lenta qualcuno alla fine pagherà! Tutti devono conoscere le nefandezze – secondo il Fronte Animale Libero – perpetrate sugli animali a Messina da chi li dovrebbe, in realtà, proteggere. ( FAL- Fronte Animale Libero) – Letterio Ivardo
Replica di una volontaria del canile Mille Muse di Portella Castanea

“Bugie, vi sono volontarie che vanno a fare sgambare i cani ,queste sono assolutamente calunnie quelle scritte da questo giornale. Le adozioni si fanno vi invito a consultare la pagina del Canile Millemusi Portella Castanea non infangate una realtà da imitare in tanti altri canili” . (Rita)

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE

Società

  Riceviamo e pubblichiamo: Spettabile Redazione, ci permettiamo di scrivervi perché, in questo momento di disperazione, rappresentate la nostra ultima speranza. Rivolgiamo a voi...

Advertisement

Copyright © 2024 | Testata giornalistica on-line d'informazione | Registrazione Tribunale di Messina n.12/2002 | P.I. IT02680760838 | Direttore Editoriale: Lillo Zaffino | Direttore Responsabile: Dario Buonfiglio