il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Il deputato regionale del PD ricorda quanto accaduto all'ARS

Ufficio Presidenza Consiglio comunale, Franco De Domenico risponde a Nino Beninati

Stampa
A seguire la nota dell'on. Franco De Domenico in risposta alle dichiarazioni dell'ing. Beninati sulle elezioni dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale :
è incredibile come a seconda delle circostanze una stessa azione o comportamento possa essere definito in modi diametralmente opposti. Leggo, afferma il deputato regionale del PD, con stupore le affermazioni dell’ing. Nino Beninati che definisce ‘fuori dai dettami della democrazia’ la votazione di martedì scorso che ha visto l’esclusione del centro destra dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale di Messina. 
Vorrei solo ricordare all’ing. Beninati che appena sei mesi addietro, al pari di quanto è accaduto a Messina, i consiglieri regionali del centro destra hanno riservato unicamente al centro destra e al Movimento 5 Stelle la Presidenza e le due Vicepresidenze dell’Assemblea Regionale Siciliana.
 In quell’occasione non ho sentito il grido di dolore per il grave attentato alla democrazia da parte dell’ing. Beninati, uomo così attento alle vicende politiche locali e regionali, per l’esclusione del centro sinistra da quelle cariche. Forse all’ing. Beninati sfugge che l’attuale scenario si caratterizza per la presenza di tre schieramenti per cui appare normale che in un sistema non più bipolare possa verificarsi l’esclusione di una delle forze politiche in campo dagli uffici di presidenza, senza che questa debba essere interpretata come violazione della democrazia. 
Entrando poi nel merito delle vicende messinesi e della insolita situazione di un consiglio comunale senza consiglieri di riferimento del sindaco e per il quale parlare di "maggioranze consiliare" tra gruppi politici tutti teoricamente di opposizione appare del tutto improprio, è appena il caso di ricordare che il centro destra stesso –che anche dopo l’elezione del sindaco ha continuato a proporsi in modo frammentato e senza una leadership in grado di rappresentarlo unitariamente - ha, con il suo voto, sostenuto un candidato eletto nelle liste del centro sinistra per la Presidenza del Consiglio Comunale. 
Con questa scelta e quella successiva di uscire dall’aula consiliare –anche questa non unitaria - al momento del voto per le due vicepresidenze, il centro destra ha rinunciato a sostenere un proprio candidato nell’Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale e di questo non può attribuire la responsabilità a nessun altro, se non alla sua stessa rappresentanza consiliare. Per cui è proprio il caso di dire che chi è causa del suo male pianga se stesso.
venerdì 13 luglio 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 17
    22°-15°