il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Si parte dalla Zona uno dell’Area Sud di Messina, da Giampilieri a Tremestieri fino allo svincolo

Da lunedì 16 al via la raccolta differenziata a Messina

Stampa
Mancano pochi giorni all’avvio ufficiale della raccolta porta a porta a Messina. Si inizia lunedì 16 settembre e ad essere interessata in questa prima fase sarà la Zona uno dell’Area Sud di Messina, in particolare nei villaggi di Giampilieri, Molino, Altolia, Giampilieri Marina, Pezzolo, Briga Marina, Santo Stefano Briga, Briga Marina, Santa Margherita, Galati Marina, Mili Marina, Mili San Pietro, Tipoldo, Larderia, Tremestieri fino allo svincolo
Siamo felici di annunciare che ha inizio una svolta epocale per Messina – racconta il presidente di Messinaservizi Bene Comune Giuseppe Lombardo - nella raccolta rifiuti, che permetterà alla città di diventare e virtuosa, rispettosa dell’ambiente, ecosostenibile e pulita”. 
Per la raccolta differenziata l’utenza dovrà fare riferimento al nuovo calendario che è stato consegnato insieme ai Kit sia familiari che condominiali (il contenitore marrone, plastica e metalli con il contenitore giallo, indifferenziato con il contenitore grigio, vetro con il contenitore verde, carta e cartone nel contenitore blu). I materiali verranno esposti dalle ore 21:00 della sera precedente alle ore 5:00 del giorno stesso di raccolta.
Qualora non sia stato ricevuto il Kit, ci si può recare da Inpost Contrada Pozzi, palazzina S. Giacomo 98151 Camaro Superiore (a 300 metri dallo svincolo di Messina Centro) tel 090623466 – 0902923130. 
Chiediamo a tutti i cittadini – continua il presidente di Messinaservizi Bene Comune - la massima collaborazione perché solo tutti insieme potremo cambiare delle pessime abitudini e puntare sul riciclo dei rifiuti, come insieme di strategie e metodologie volte a recuperare materiali utili al fine di riutilizzarli, anziché smaltirli direttamente in discarica. Il materiale riciclato previene lo spreco di materiali potenzialmente utili, garantisce maggiore sostenibilità al ciclo di produzione e utilizzazione dei materiali, riduce il consumo di materie prime, l'utilizzo di energia e l'emissione di gas serra associati”.
martedì 10 settembre 2019

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo