il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Il tema riveste un’importanza strategica per l’approvazione definitiva del nuovo Piano Regolatore Portuale

Zona Falcata e Patto per la Falce, nota dell´Autorità Portuale

Stampa
A seguire la nota dell'Autorità Portuale sulla Zona Falcata e Patto per la Falce:
Con riferimento al Diario Messinese apparso sulla Gazzetta del Sud del 12 febbraio, non possiamo che ringraziare il Dott. D’Amico per l’attenzione appassionata che da anni dedica alla riqualificazione della Zona falcata. Il ringraziamento sincero è dovuto non soltanto per continuare a mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica su quella che potrebbe (e dovrebbe) diventare l’occasione di rilancio per la città di Messina, ma soprattutto perché i suoi interventi ci consentono di confermare quanto l’Autorità Portuale stia lavorando, a volte con enormi difficoltà, per dare compiuto rispetto agli impegni sottoscritti con il Patto della Falce. Innanzitutto l’Autorità ha impegnato la somma di € 151.000,00 per avviare l’attività di caratterizzazione ambientale propedeutica alla bonifica delle aree demaniali nella Zona Falcata. Indagini e analisi verranno svolte in parte dal Dipartimento MIFT dell’Università di Messina, grazie ad un’apposita convenzione promossa dall’AP, e in parte da società specializzate, individuate sul mercato libero secondo le procedure di legge e nel rispetto delle recenti indicazioni Ministeriali. Nel frattempo, in maniera del tutto autonoma, l’Authority ha portato a termine alcuni interventi di demolizione di manufatti insistenti all’interno delle aree demaniali marittime della Falce, che hanno consentito di bonificare rilevanti porzioni di questo territorio. Nel corso degli anni, inoltre, questo Ente ha più volte evidenziato agli Organi di competenza l’opportunità di programmare, all’interno dei propri percorsi istituzionali di controllo del territorio e compatibilmente con le rispettive esigenze operative, puntuali verifiche sia diurne che notturne della Zona Falcata, garantendo la massima collaborazione e disponibilità ad implementare eventuali misure di sicurezza passiva necessarie per rendere più efficace e funzionale l’intera attività. Non si può dimenticare, infine, che nell’attuazione degli obiettivi del Patto per la Falce, riveste un’importanza strategica l’approvazione definitiva del nuovo Piano Regolatore Portuale che interviene dopo ben 65 anni dal precedente e rappresenta il principale strumento per l’avvio definitivo delle azioni di riqualificazione e di rilancio economico, ambientale e culturale della Zona Falcata. A tal fine l’Autorità Portuale si è attivata per accelerarne l’iter approvativo e proprio in queste ultime settimane si sta alacremente lavorando per ultimare gli ultimi passaggi con un’intensa attività di concertazione con Enti e Istituzioni del territorio che, siamo certi, contribuiranno positivamente a risolvere, ognuno per la propria parte, alcune osservazioni pervenute di recente.
martedì 13 febbraio 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo