il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Ernesto Miano e l'esperienza nel delicato settore.

PROTEZIONE CIVILE: PROFESSIONE VOLONTARIO

Stampa

Una vita spesa sul territorio, a fronteggiare emergenze, in un settore difficile e complesso come quello della Protezione Civile, in cui rischi ed intraprendenza, sono pane quotidiano.

Il Dott. Ernesto Miano, Presidente del Nucleo Operativo Emergenze, un'associazione veterana che da anni spende energie a sostegno di chi ha bisogno, ci racconta la sua lunga esperienza, che di recente lo ha portato ad essere Esperto di Protezione Civile al Comune di Montalbano, in un territorio tanto bello quanto pieno di insidie.

- Come nasce il suo impegno a Montalbano e quali sono i tratti distintivi rispetto a Messina?

Sono stato nominato dal Sindaco Taranto, nel maggio del 2018; ho potuto costatare da subito la grande fiducia accordatami, tanto da essere riuscito, in poco tempo, a rinnovare la regolamentazione, creando un gruppo affiatato, che oggi conta 12 persone. Ho formato i miei collaboratori , attraverso un Corso BLSD per operatori non sanitari, finalizzato ad acquisire tutte le tecniche di rianimazione utili in casi di emergenza, ivi compreso l'utilizzo del defribrillatore.

Ho curato anche la parte di formazione relativa al montaggio tende e creazione di rete di comunicazione per la gestione delle emergenze. A Montalbano, nello specifico, l'insidia maggiore è rappresentata dalla neve, per cui è necessario fare assistenza alla popolazione, anche attraverso strumenti quali spargisale, spalaneve e quod. Attualmente siamo in attesa del Decreto Regionale di iscrizione e la collaborazione con la mia Associazione, il NOE, è massima.

Effettuiamo, a cadenza bimensile, monitoraggi su tutto il territorio, composto da diverse frazioni, ognuna delle quali ha un responsabile. Possiamo contare su una stazione meteo con relativo esperto, e di un sito Internet che dirama tutti i bollettini. E' un'esperienza molto appagante, che svolgo con passione ed impegno, avendo a disposizione una sede e le attrezzature necessarie. L'obbiettivo finale è quello di mettere in rete tutto il territorio, per avere un controllo capillare e potere affrontare con più forza le emergenze. ”

- Quali differenze nota rispetto a Messina?

A Messina operano circa 20 associazioni, di cui alcune iscritte al Dipartimento Regionale. Fino a qualche tempo fa esisteva una Consulta, oggi non più attiva; peraltro, una sola Associazione ha la sede, mentre le altre devono arrangiarsi. Sarebbe auspicabile il recupero dei tanti stabili vuoti, che potrebbero essere utilizzati e manutenuti, ma purtroppo così non è.

Con il NOE mi occupo di assistenza ai senza tetto, ogni venerdì, un'attività molto delicata, sia in estate che in inverno, per le criticità del clima. Facciamo tanto, ma tantissimo c'è da fare!”

_ Se dovesse tracciare l'identikit del Volontario modello?

Il primo requisito è certamente la passione, che deve essere talmente forte da spingerti a dedicare il tuo tempo libero agli altri. E' una forma pulita e sana di impiegare le ore, che può dare ai nostri giovani una coscienza civica, di cui si sente sempre più il bisogno. Il volontario modello dovrebbe iniziare verso i 17 anni, lasciando da parte implicazioni politiche, che non servono, e velleità di guadagni, che proprio non ci sono, anzi...Spesso si è portati a rimetterci per far fronte alle mille esigenze che ogni giorno si presentano. Non è facile, bisogna essere preparati, formati; come in tutti gli ambiti, bisogna studiare, attrezzarsi contro ogni imprevisto. Il volontariato, soprattutto nell'ambito della Protezione Civile, è ormai diventato un fenomeno che coinvolge migliaia di uomini e donne di tutte le età, persone di differente estrazione sociale, livello culturale ed ideologico, che scelgono consapevolmente e con sacrificio, di dedicarsi alla collettività. 
Il ruolo del Volontariato di Protezione Civile, negli ultimi anni, si è andato rafforzando non solo per quanto riguarda la partecipazione alle attività di soccorso, ma anche in settori fondamentali di previsione e prevenzione. Per questo reputo importante , anzi essenziale, la creazione di una rete telematica ufficiale, che copra tutte le zone possibili, per evitare pericoli da isolamento”.

-


Una conversazione piacevole ed istruttiva quella con il Dottor Miano, che mostra un impegno non comune al servizio degli altri; sentimenti che fanno riflettere, in un mondo sempre più improntato sull'egoismo e sulla solitudine.

Fare squadra, formarsi ed impiegare il proprio tempo per aiutare chi ha bisogno, sono esempi virtuosi di cittadini che scelgono una strada in salita, ma sicuramente indice di grande senso civico ed equilibrio emotivo, di responsabilità e solidarietà, valori di cui questa nostra società ha un estremo bisogno.

mercoledì 13 novembre 2019

Gabriella Giannetto

    Vai a pagina
    segui il meteo