il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Le famiglie stanno tornando ad avere fiducia nell’economia italiana

Mutui e prestiti: aumentano le richieste a causa dei tassi bassi e del potere di spesa

Stampa

Con i tassi di interesse che stanno sfiorando i loro minimi storici, ed il potere di spesa nuovamente ad un livello accettabile, le famiglie stanno tornando ad avere fiducia nell’economia italiana. Questa sensazione, confermata come vedremo anche dai dati, sta naturalmente spingendole nella direzione dei prestiti bancari e delle richieste di mutui: se in passato si trattava di un’operazione foriera più di dubbi che di certezze, ad oggi la situazione finanziaria consente anche di esporsi in loro direzione. A conferma di questa rinnovata fiducia, l’aumento delle richieste di finanziamenti registrato negli ultimi mesi. è dunque arrivato il momento di riporre nel cassetto le sofferenze economiche portate dalla crisi?

 

Prestiti: richieste in aumento da parte delle famiglie

 

Come già preannunciato, le notizie relative alle richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane sono più che positive. Secondo il rapporto presentato dalla BCE (Banca Centrale Europea) e dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana), nel giugno del 2017 le suddette richieste sono aumentate del +1,5%: quella che in apparenza potrebbe sembrare una percentuale risibile, è in realtà un segnale che va oltre i numeri. Questo perché conferma (e anzi rilancia) un trend in positivo dall’inizio dell’anno. Quali sono le ragioni prettamente pratiche che hanno sostenuto questo “boom in miniatura”? Intanto i tassi di interesse, attualmente al 2,7%: una percentuale storicamente al ribasso, che ha consentito di mettere la marcia e di spingere questa tendenza. Inoltre, c’è un secondo fattore che ha favorito questo trend: la possibilità di scoprire le diverse tipologie di prestito online grazie a piattaforme come compass.it e richiedere da subito un appuntamento con gli specialisti, cosa che ha agevolato non poco i consumatori.

 

Crescono anche fiducia e potere di spesa

 

è stata l’Istat a sondare con mano la crescita del potere di spesa delle famiglie della Penisola: un altro elemento chiave per l’aumento delle richieste di prestiti. Secondo gli ultimi dati, difatti, il potere d’acquisto è cresciuto del +1,7% nel 2017, con un reddito medio annuo salito fino a quasi 30.000 euro (ovvero circa 2.500 euro mensili). Gli economisti più esperti hanno individuato le fonti di questo aumento del reddito nei lavori autonomi, che stanno velocemente colmando il gap lasciato dal calo dei contratti a tempo indeterminato. Fra i tanti segnali positivi lasciati dall’anno che si è appena chiuso, troviamo pure l’aumento della fiducia delle famiglie nel futuro economico del Paese: grazie a questo elemento, risulta essere più facile esporsi nei confronti dei finanziamenti e pensare anche ad un cauto ritorno agli investimenti.

 

martedì 9 gennaio 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    mer 17
    28°-22°
    gio 18
    26°-20°
    ven 19
    27°-21°
    sab 20
    25°-20°